UNA “CASA PER I POVERI”, IL “SEGNO CONCRETO” DEI GIOVANI DELLA PAPA GIOVANNI XXIII Il responsabile generale della Comunità fondata da don Benzi, Giovanni Ramonda: “Presto in Polonia questo sogno sarà realtà”

993
Una casa per i poveri in Polonia, gestita dai giovani della Comunità Papa Giovanni XXIII

Una casa dell’accoglienza per i poveri e gli emarginati gestita da giovani, sorgerà in Polonia, come segno concreto della Giornata Mondiale della Gioventù 2016 e, anche, di un silenzio che si fa parola, nelle opere di carità vissuta. È questo il desiderio espresso dai cento giovani della Comunità Papa Giovanni XXIII che da tuttaItalia e da altri Paesi del mondo sono giunti a Cracovia per fare festa con Papa Francesco. Questa mattina li ha raggiunti oggi il responsabile generale dell’associazione fondata da don Oreste Benzi, Giovanni Ramonda.

Vogliamo lasciare un segno concreto”, hanno scritto i giovani della Comunità in un comunicato. “Papa Francesco ci invita ad avere coraggio e passare dalle parole ai fatti. Per questo vorremmo aprire proprio qui in Polonia una casa di accoglienza per i poveri ed emarginati”. Per Ramonda,“è bello vedere questo entusiasmo, questa voglia di cambiare il mondo mettendosi in gioco personalmente”.

Ci attiveremo subito per tradurre questo sogno in realtà – dichiara Ramonda –. Sarebbe bello che questa GMG lasciasse un segno concreto in questa terra natale di Giovanni Paolo II, il Papa che ha riconosciuto e confermato il carisma della nostra Comunità, che consiste proprio nel condividere la vita con i più poveri ed emarginati”

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS