GOOGLE SUMMER TRENDS 2016: ISOLA D’ELBA E DIETA TRA LE PAROLE PIU’ CLICCATE Il colosso di Mountain View ha reso note le 10 parole più ricercate divise per categorie

449

Isola d’Elba, sandali bassi, dieta Lemme e il taglio di capelli di Alessandra Amoroso. Non è un codice segreto, ma le parole più cliccate dagli italiani su Google, principale motore di ricerca al mondo, nei primi sei mesi dell’anno. Come ogni estate, il colosso di Mountain View ha infatti reso noti i suoi attesissimi Summer Trends, ovvero le 10 parole più ricercate divise per categorie.

Se parliamo di viaggi e di mete turistiche, è l’isola d’Elba, seguita da Rimini e da Cervia, a dominare la classifica. Per quanto riguarda le spiagge più desiderate, spetta invece alla località salentina di San Foca, nel leccese, la palma del vincitore, seguita da Scopello e Porto Pino. “solo” decima Porto Cervo.

Altro argomento caldo (soprattutto in previsione della prova costume) e altra top ten: nella categoria diete è il termine “Lemme” – dal nome della filosofia alimentare basata sul consumo esclusivo di carboidrati e proteine – ad avere la meglio. Spostandoci alla categoria “calorie”, sono i piselli, inseguiti da brioche e banane, a stravincere.

Rimanendo in tema di bellezza, tagli di capelli e tatuaggi sono altri due argomenti molto gettonati e, nelle rispettive graduatorie stilate da Google, vanno forte ricci e diamanti. Sempre in fatto di acconciature e tattoo, tra i modelli vip, spopolano la cantante Alessandra Amoroso e il calciatore Paulo Dybala da una parte e la tronista di Uomini e Donne Ludovica Valli dall’altra.

A ispirare le navigazioni degli italiani in questo scorcio di 2016 è stata anche la musica, con i concerti grandissimi protagonisti. Tra i vari show, il più googlato è stato quello del Primo Maggio, davanti a cui anche il mitico Vasco si è dovuto inchinare. Solo nona la bella Beyoncé che ha superato di poco il collega Baglioni. Vincitori o vinti, ormai se ne riparlerà la prossima estate.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS