COMPLEANNO IN CASA LOONEY TUNES: OGGI BUGS BUNNY COMPIE 76 ANNI

381

Compie oggi 76 anni Bugs Bunny, il noto coniglio grigio che appare nella serie Looney Tunes e che, insieme a Topolino della rivale Disney, è uno dei personaggi animati più famosi al mondo. Nato nel 1938 a Brooklyn da molti “padri” disegnatori, la sua vera personalità emerge in Caccia al coniglio (“A Wild Hare”) di Tex Avery’s, uscito il 27 luglio 1940. È in questo cartoon che Bugs esce per la prima volta dalla sua tana per pronunciare verso l’acerrimo nemico, il cacciatore Taddeo, la sua più nota frase: “Ehm… What’s up, doc?” (“Che succede, amico?”). Questa è unanimemente considerata la prima apparizione pubblica del personaggio tanto che, in uno dei primi episodi del recente “The Looney Tunes Show”, durante una discussione fra Bugs Bunny e Daffy Duck (l’anatroccolo nero che parla sputacchiando a causa di un difetto di pronuncia) Bugs afferma che è il 27 luglio.

Chiamato originariamente in italiano “Rosicchio” e “Lollo Rompicollo”, Bugs Bunny rappresenta l’equivalente moderno della figura mitologica dell’imbroglione. Nella lingua inglese, infatti, “Bugs” o “Bugsy” è sinonimo di “pazzo”. In 40 anni di onorata carriera, il coniglio furbetto è apparso, oltre che in centinaia di cortometraggi animati, in diversi lungometraggi, in un francobollo – il numero sette nella lista dei dieci francobolli Usa più popolari – e a lui è dedicata una Stella sulla Hollywood Walk of Fame di Los Angeles, in California. Doppiato in lingua originale per oltre 49 anni da Mel Blanc (1940-1989), in italiano è stato interpretato, tra gli altri, anche da Oreste Lionello e Sergio Luzi.

Indimenticabile un’altra delle sue frasi più famose, resa celebre nei corti diretti da Chuck Jones: molti di questi cominciavano con la figura di Bugs che sbucava da un tunnel e, scoprendo di essere nel posto sbagliato, esclamava: “I Knew I should have taken that left turn at Albuquerque!” (“Lo sapevo che avrei dovuto svoltare a sinistra ad Albuquerque!”). Buon compleanno Bugs, 76 anni sulla cresta dell’onda.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS