NIZZA, ARRESTATI ALTRI 2 COMPLICI: ERANO NELLE FOTO DEL CELLULARE DEL KILLER Altre cinque persone - quattro uomini e una donna - erano state arrestate il 21 luglio

349
Nizza

Ancora due arresti, in Francia, nell’ambito delle indagini sulla strage di Nizza, avvenuta lo scorso 14 luglio e costata la vita a 84 persone, 6 delle quali italiane: due presunti complici di Mohamed Lahouaiej Bouhel – il camionista killer – sono finiti in manette. Lo ha appreso l’agenzia France Presse da una fonte vicina all’inchiesta, confermando le indiscrezioni diffuse da Bfmtv. Nessuno di loro era noto ai servizi di intelligence. Uno dei due uomini arrestati compare in una foto a fianco dell’attentatore Mohamed Lahouaiej-Bouhlel davanti al camion usato per compiere il massacro sulla Promenade des Anglais. Anche il secondo soggetto è stato fermato per essere interrogato perché la sua foto è stata ritrovata sul cellulare dell’attentatore.

Altre cinque persone – quattro uomini e una donna – erano state arrestate il 21 luglio, accusate tra l’altro di “partecipazione a organizzazione terroristica”. Si trattava di una coppia di albanesi accusati di aver fornito la calibro 7.65 usata da Bouhlel la sera del massacro. Tra i 5 arrestati, anche il destinatario dell’ultimo messaggio inviato dall’attentatore prima di mettersi alla guida del camion della morte. Si tratta di Ramzy A., 22enne di Nizza, pregiudicato per violenza e rapina. Nella sua abitazione è stato rinvenuto un kalashnikov e sono stati sequestrati alcuni proiettili. Sia lui che le altre quattro persone sono state trasferite a Parigi per essere interrogate; per il procuratore della capitale François Molins avrebbero aiutato il killer a mettere a segno la strage. Strage che sarebbe stata “pianificata da mesi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS