MAROCCO, LA FORD VUOLE CREARE UNO “UBER” PER MIGLIORARE IL SERVIZIO TAXI Il taxi condiviso è largamente diffuso in Marocco: la legge consente ai tassisti di accettare fino a tre clienti

816
FORD

In Marocco la tecnologia si mette al servizio dei cittadini: Ford Marocco, infatti, ha lanciato un concorso, riservato ad aziende e privati, per sviluppare una app che permetta di condividere i taxi e rendere più semplice la prenotazione. Una soluzione che potrebbe risolvere un problema quotidiano per migliaia di marocchini: riuscire a fermare un taxi.

Code4Cabs, questo il nome della app, è la sfida lanciata non solo ai creativi, ma anche a tutto il sistema per certi versi folkloristico delle auto a chiamata. Basta registrarsi entro il 4 ottobre sul sito code4cabs.devpost.com e seguire le istruzioni. Ci sono in palio, in tutto, 30 mila dollari. C’è di mezzo, però, soprattutto la sicurezza, e in particolare per le donne che viaggiano da sole.

Il taxi condiviso è largamente diffuso in Marocco: la legge consente ai tassisti di accettare fino a tre clienti contemporaneamente, ma la possibilità di guadagnare di più si traduce in pratica in lunghe attese sulle banchine a caccia dell’auto libera, nei punti di maggior richiesta, e nelle zone di periferie in una sorta di via crucis con sosta ogni volta che s’incontra anima viva lungo il percorso.

Mai più fischi – che una superstizione marocchina ritiene attirino sfortuna -, né lunghe attese, ma più sicurezza e controllo: il Marocco è pronto ad accogliere il suo Uber.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS