DE CHIRICO IN MOSTRA AL CASTELLO DI CONVERSANO 50 opere dell'artista avanguardista in esposizione fino al 1 novembre 2016

3727
De Chirico

Sarà inaugurata venerdì 15 luglio la mostra di Giorgio de Chirico, intitolata “Giorgio de Chirico – Ritorno al Castello”. L’esposizione, aperta al pubblico il 10 luglio, presenta ai visitatori cinquanta tra le più straordinarie opere del pittore avanguardista esposte nel raffinato Castello di Conversano. La mostra è organizzata dal “Libro Possibile”, in collaborazione con l’associazione culturale Artes e la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e il Comune di Conversano.

Saranno esposte 50 opere (40 dipinti e 10 litografie) del maestro, esponente simbolo della “metafisica” in Italia, definito già nel 1919 da Guillaume Apollinaire “il più sbalorditivo pittore della nuova generazione”. All’inaugurazione sono intervenuti il Presidente della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico Paolo Picozza, il Presidente dell’associazione culturale Artes Gianluca Santoro, il Sindaco di Conversano Giuseppe Lovascio e la direttrice artistica del Libro Possibile Rosella Santoro. L’esposizione resterà aperta fino al 1 novembre, con l’aspirazione di diventare una tappa nell’itinerario culturale e turistico d’eccellenza della Puglia. Si potrà visitare tutti i giorni dalle 9:30 alle 13:30 e il pomeriggio dalle 17:00 alle 21:00.

I dipinti e le litografie ripercorrono le tappe dell’evoluzione del grande artista, capace di abbracciare nella sua carriera le influenze neobarocche, che connotano la sua produzione degli anni ’40 e ’50, per poi avventurarsi nel ventennio successivo alla scoperta dell’avanguardia metafisica. Anche il titolo della mostra, scelto dall’ideatrice del progetto scientifico e curatrice dell’esposizione Mariastella Margozzi della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, è un omaggio al plurale itinerario formativo del maestro. “Ritorno al castello” è infatti il titolo di diverse tele facenti parte della produzione a cavallo tra gli anni ’40 e gli anni ’70, che affonda le radici nei poemi cavallereschi che tanto hanno affascinato Giorgio de Chirico. Un genere dove si mischiano avventura, malinconia del passato e tradizione. Un tema che si innesta perfettamente nella storia culturale di Conversano, del suo castello e delle meravigliose tele seicentesche del pittore Paolo Finoglio, anch’esse dedicate al poema cavalleresco.

 

“Con una mostra aperta per tutta l’estate e fino a novembre – dichiara la direttrice artistica del festival Il Libro Possibile Rosella Santoro – affermiamo il valore di un territorio che scommette sul binomio arte e cultura. La prospettiva è quella di alimentare la “destagionalizzazione” dell’offerta turistica pugliese. Crediamo che ci sia bisogno di eventi di ampio respiro per completare la crescita di un sistema Puglia, capace di valorizzare e integrare le bellezze paesaggistiche e progetti culturali”.

“Con la mostra delle opere di Giorgio de Chirico – aggiunge il presidente dell’associazione Artes Gianluca Loliva – siamo soddisfatti di inaugurare la sezione dell’Arte Possibile, ovvero uno spazio fisico e culturale per trasmettere nuove emozioni e diversi significati. Un particolare ringraziamento alla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico per il prezioso aiuto nell’allestimento della mostra e al sindaco di Conversano, Giuseppe Lovascio, per aver creduto fortemente nella possibilità di realizzare un evento di rilievo nazionale nella sua città”.

“La mostra di de Chirico all’interno del polo museale di Conversano rappresenta una straordinaria occasione – conclude il sindaco di Conversano Giuseppe Lovascio – per attrarre sul territorio gli amanti dell’arte e per donare ulteriore vigore al ricco movimento culturale che caratterizza la città d’arte. Cinquanta opere del più grande artista italiano del ventesimo secolo costituiranno per cento giorni la meta culturale di riferimento nell’ambito della meravigliosa terra di Bari. Grazie di cuore a tutti coloro che hanno avuto ed avranno il coraggio e l’intelligenza di credere in questa operazione e di sostenerla”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS