ECUMENISMO, MONS. AYUSO IN VISITA ALL’UNIVERSITÀ DI AL-AZHAR Il segretario del Pontificio Consiglio per il Dialogo Inter-religioso in Egitto per la ripresa del dialogo tra Santa Sede e Islam

548
AL-AZHAR

Il Pontificio Consiglio per il Dialogo Inter-religioso ha reso noto che quest’oggi, il proprio segretario, monsignor Miguel Angel Ayuso Guixot, è in visita al Cairo presso l’Università di Al-Azhar, la massima istituzione dell’Islam sunnita. La visita si svolge a seguito dello storico incontro tra Papa Francesco e il grande imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyib, avvenuto in Vaticano lo scorso 23 maggio.

Mons. Ayuso Guixot, assieme a mons. Bruno Musarò, nunzio apostolico in Egitto, inconterà innanzitutto, per una riunione preliminare, Mahmoud Hamdi Zakzouk, membro del Council of Senior Scholars di Al-Azhar e direttore del Centro per il Dialogo della medesima Università. “Durante l’incontro, richiesto dal dicastero per espresso desiderio del Santo Padre – si legge in una nota -, si valuterà come avviare la ripresa del dialogo fra il Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso e l’Università Al-Azhar”.

L’udienza svoltasi lo scorso maggio in Vaticano, sancisce la completa riapertura del dialogo tra Santa Sede e al Azhar, che ha vissuto numerose tensioni durante il pontificato di Papa Ratzinger, a partire dal fraintendimento del discorso dello stesso Benedetto XVI all’università di Ratisbona. L’università sunnita di al-Azhar, che forma migliaia di imam all’anno, si oppone completamente a una interpretazione letterale del Corano per quanto riguarda violenza e guerra santa, cioè a dare fondamento teologico al terrorismo, anche se nei fatti non tutti gli imam sunniti del mondo lo fanno. Per Papa Fracesco, il dialogo con l’islam in tutte le sue correnti è fondamentale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS