TROPPO CALDO FA MALE, BAGNO IN BIKINI NEL FONTANONE

495
bikini

“Quanto sei bella Roma … Quando la luna si specchia dentro al fontanone”, cantava Antonello Venditti nel brano “Roma Capoccia”. Ma la bellezza di uno dei simboli della Capitale è stato deturpato da alcune ragazze che, probabilmente infastidite dal caldo afoso e umido di questi giorni, hanno deciso di mettersi il bikini per trovare refrigerio dentro la vasca della fontana.

Una scena che ha infastidito cittadini e turisti, tanto che alcuni fotografi, Giordani&Mingo, hanno scattato alcune foto, pubblicando poi le immagini sul loro profilo Facebook con la seguente didascalia: “Fa molto caldo ma il fontanone del Gianicolo non può diventare una piscina con cascata per i turisti stranieri. Roma merita più rispetto”. Le immagini hanno fatto in pochi minuti il giro di tutti i social, accendendo le polemiche della rete.

Il fontanone del Gianicolo, cioè la fontana dell’Acqua Paola, è un punto di ritrovo ogni notte per tanti ragazzi romani. Si tratta della fontana finale dell’acquedotto ripristinato tra il 1608 e il 1610 da papa Paolo V. “Al Gianicolo piscine open per tutti. Roma sempre più terra di nessuno. Sindaco Raggi urge presidio delle forze dell’ordine per tutelare il nostro patrimonio artistico”, è il commento di Luca Aubert, ex capogruppo di Forza Italia nel Municipio I.

Una scena simile si è ripetuta l’altra notte in piazza del Popolo, in pieno centro. Una delle quattro vasche che adornano l’obelisco egizio della nota piazza romana, è stata usata da cittadini romani come “piscina”. Alcuni di loro si sono scattati anche dei selfie. Nelle immagini si vede un gruppo di sei ragazzi, tutti in mutande, che trovano refrigerio dal caldo sotto il getto d’acqua della leonessa di marmo. L’ennesima scena degrado di una Roma deturpata della sua bellezza non da turisti o stranieri, ma dai suoi stessi cittadini.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS