BREXIT: LEADSOM SI RITIRA, THERESA MAY MERCOLEDI’ A DOWNING STREET

555
theresa may

Per la seconda volta nella storia della Gran Bretagna sarà una donna l’inquilina del numero 10 di Downing Street. Infatti, sarà Theresa May il nuovo premier che succederà al dimissionario David Cameron. L’annuncio è stato dato proprio dagli uffici di Downing Street che in una nota hanno precisato che Cameron ha annunciato di essere “felice” di sostenere la May e di passare a lei le consegne mercoledì.

Andrea Leadsom ha formalizzato la sua rinuncia alla candidatura per la leadership Tory e per Downing Street, lasciando la rivale Theresa May unica aspirante alla carica di primo ministro. Leadsom ha detto di ritenere di non avere “sufficiente sostegno” in parlamento e ha offerto appoggio alla May, ricordandone l’impegno ad attuare la Brexit. La Leadsom era stata al centro di polemiche per aver affermato che, essendo madre, sarebbe stata una candidata migliore della ministra dell’Interno Theresa May per la successione del premier David Cameron. E tra i motivi della rinuncia alla guida dei conservatori ci sarebbero anche le dure reazioni arrivate da opinione pubblica e classe politica riguardo ai suoi commenti sulla maternità.

La May è riuscita a incassare anche il sostegno di Boris Johnson e Michael Gove, i due principali leader della campagna referendaria per la Brexit nel partito conservatore. Jonhson ha detto che May sarà “un eccellente primo ministro”, mentre Gove ha chiesto di accelerare i tempi del passaggio di consegne fra David Cameron e lei a Downing Street.

David Cameron presiederà mercoledì l’ultima sessione si domande al Parlamento di Londra in qualità di primo ministro del Regno Unito, prima di recarsi a Buckingham Palace per presentare le sue dimissioni alla regina Elisabetta II e cedere l’incarico alla titolare del ministro dell’interno, Theresa May.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS