ANTARTIDE, 1 MILIONE DI PINGUINI IN PERICOLO: MINACCIA ALLA SPECIE Un vulcano in attività sull'isola di Zavodovskibi sta minacciando la sopravvivenza di una delle più grandi colonie di pinguini al mondo

600
  • Español
pinguini

Un vulcano in attività sull’isola di Zavodovski, nell’arcipelago delle Sandwich australi in Antartide, sta minacciando seriamente la sopravvivenza di una delle più grandi colonie di pinguini al mondo. Si tratta di un milione di animali che, secondo i ricercatori, potrebbero morire a causa delle numerose eruzioni che si stanno verificando in questi mesi.

Gli scienziati, infatti, stanno registrando una serie esposioni su un insieme di isole subantartiche disabitate nell’oceano Atlantico meridionale appartenente al territorio d’oltremare britannico. L’isola, però, fa da casa a 1,2 milioni di pingoscelidi antartici e a 180 mila pinguini fronte dorata. Una specie in via d’estinzione e che andrebbe protetta prima che scompaia del tutto.

A lanciare l’allarme è British Antarctic Survey. Gli esperti spiegano che le eruzioni del vulcano sono iniziate a marzo e, al momento, le immagini satellitari mostrano che tra quasi la metà dell’isola è coperta da cenere. L’isola di Zavodovski – dal diametro di 5 chilometri – è così remota che non sarà possibile conoscere l’entità dei danni fino all’arrivo della prossima spedizione, che è prevista solo tra dicembre e gennaio prossimi. Nel frattempo, quindi, nessuno sa quale sia stata la sorte dei pinguini.

Gli scienziati sono molto preoccupati, soprattutto dal fatto che i pingoscelidi sono stati colti dalle eruzioni nel momento della muta, un periodo delicato dell’anno perché in questa fase di cambio del piumaggio i pinguini non sono più isolati termicamente né impermeabili, quindi non possono cercare salvezza in mare e sono costretti a stare sulla terraferma.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS