CRISTIANI E MUSULMANI FESTEGGIANO INSIEME L’IFTAAR Dal Pakistan un gesto di condivisione per esprimere la fratellanza interreligiosa

648
  • Español
musulmani

Preti cattolici, ulama musulmani, bambini, studenti di seminari islamici, donne e giovani musulmani, cristiani, indù e sikh: tutti presenti e coinvolti in un evento, organizzato a Lahore nei giorni scorsi dal Consiglio per il dialogo interreligioso, di Lahore, per promuovere l’armonia interreligiosa, in occasione della conclusione del mese sacro del Ramadan. L’incontro è iniziato con la proclamazione di alcuni brani della Sacra Bibbia e del Corano, letti da narratori musulmani e cristiani, ed è proseguito con preghiere secondo le rispettive credenze.

P. Francis Nadeem OFM Cap, coordinatore del Consiglio, ha dichiarato: “Da anni è tradizione che noi rappresentanti cristiani del Consiglio per il dialogo interreligioso invitiamo i nostri concittadini musulmani a celebrare insieme l’iftaar (che conclude il mese del Ramadan), mentre i nostri fratelli musulmani ci invitano per rompere insieme il digiuno in tempo di Quaresima. Questa espressione bilaterale di fratellanza ci avvicina gli uni agli altri”.

La pratica del digiuno, infatti, è uno dei valori comuni, presenti nelle diverse religioni, come nel cristianesimo e nell’islam. Tutti i presenti hanno apprezzato lo spirito dell’incontro e lo sforzo di promuovere l’armonia nazionale e religiosa. “Il digiuno ci insegna la tolleranza, l’unità, la fratellanza, il perdono e l’elemosina” hanno detto alcuni leader islamici, tra i quali il leader sufi Pir Shafaat Rasool, presidente del Consiglio interreligioso, e Hafiz Mufti Syed Ashiq Hussain, fondatore e docente in una madrasa a Lahore. Tutti hanno lanciato un appello “a tutta la nazione perché si possa vivere in pace”. I partecipanti all’incontro hanno pregato per il progresso, la prosperità e la pace nel paese e per il successo delle forze armate nella lotta contro il terrorismo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS