PRESIDENZIALI IN AUSTRIA: IL 2 OTTOBRE NUOVO “SCONTRO” TRA VAN DER BELLEN E HOFER La decisione, fatta ai cronisti dal ministro dell'Interno di Vienna Sobotka al termine di una seduta del Governo, dovrà essere ora avvallata da un organismo del Parlamento nazionale

566
Austria

Si dovrebbe tenere il prossimo 2 ottobre il nuovo ballottaggio per le elezioni presidenziali in Austria, dopo la decisione della Corte Costituzionale di annullare il voto del 22 maggio a causa di irregolarità nello spoglio dei voti. L’annuncio è stato dato dal ministero degli Interni di Vienna, Wolfgang Sobotka, precisando che proporrà questa data al governo.

Lo scorso 1 luglio, la Corte Costituzionale ha invalidato il secondo turno delle elezioni presidenziali del 22 maggio scorso, vinte dal candidato indipendente Alexander Van der Bellen, contro il populista Norbert Hofer. Le elezioni erano state perse di misura dal candidato del Fpoe, Hofer, con uno scarto di poco meno di 31 mila voti.

I giudici erano stati interpellati dal Partito delle Libertà all’indomani del voto per irregolarità nel conteggio delle schede, in particolare degli oltre 700 mila voti arrivati per posta. Fino al nuovo voto, sarà la presidenza del Nationalrat, ossia la Camera bassa del Parlamento austriaco, ad esercitare collegialmente la funzione di presidente ad interim tra l’8 luglio, giorno in cui scade il mandato dell’attuale capo dello stato Heinz Fischer, fino alla data del nuovo ballottaggio. Proclamato vincitore all’indomani del voto del 22 maggio, Van der Belle doveva insediarsi ufficialmente il prossimo 8 luglio.

La decisione, fatta ai cronisti dal ministro dell’Interno di Vienna Sobotka al termine di una seduta del Governo, dovrà essere ora avvallata da un organismo del Parlamento nazionale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS