DALLA SPAGNA UN PROGETTO DI SCOLARIZZAZIONE PER I PICCOLI SIRIANI Ideato dalla ong Solidaridad Internacional, porterà 100 bambini nel sistema scolastico libanese

522
progetto

Nasce in Spagna “Vuelta a la escuela”, un nuovo progetto promosso dall’ong Solidaridad Internacional per sostenere la scolarizzazione di 100 bambini siriani all’interno sistema scolastico libanese. Ben dieci docenti rifugiate verranno formate per insegnare le materie previste nel programma di studio del Paese, molto diverso da quello siriano, in modo che gli alunni possano inserirsi senza problemi nelle scuole pubbliche. Il Libano, per limiti di confine, è il lo Stato dove si registra il maggior numero di rifugiati siriani del mondo: circa un milione. Un abitante su quattro è un rifugiato. Secondo le statistiche, sono 400 mila i minori costretti ad abbandonare la scuola e soggetti a violenze fisiche, psicologiche, sfruttamento, matrimoni precoci, reclutamento da parte di gruppi armati.

Obiettivo del progetto, ha dichiarato la direttrice dell’associazione, è “contrastare questo effetto con il sostegno scolastico e psicosociale, dato che gli aiuti finora sono stati concentrati su alimentazione o sanità”. Attraverso quest’iniziativa verranno selezionati 50 bambini e 50 bambine siriani nella fascia di età compresa tra 4 e 6 anni che vivono in condizioni di estrema necessità nei villaggi a sud di Beirut. A essi sarà consegnato un kit di materiale scolastico composto da uno zaino, quaderni, libri e matite.

Le dieci donne rifugiate, ex insegnanti in Siria, saranno formate con un corso denominato Strategies for Trauma, Awareness and Resilience, progettato per preparare docenti nel trattamento di situazioni traumatiche. Verrà anche preso in affitto un centro scolastico con cinque aule, due per i bambini con meno di 4 anni, altre due per quelli di 5 anni e un’altra per i bambini di 6 anni. In tutto, l’iniziativa durerà dieci mesi, il primo per formare gli insegnanti, otto per il corso scolastico e l’ultimo per gli scrutini. Tuttavia, l’ong è già al lavoro per prolungare i tempi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS