ATTACCHI A DACCA: RESIDENTI NEL TERRORE, CITTA’ PARALIZZATA Guerneri (Terre des Hommes Italia): "Si respira un'aria di paura. Mai vista una cosa così"

447
dacca1

“Gli abitanti di Dacca sono più che terrorizzati: i miei colleghi bengalesi mi hanno riferito che una cosa così non si era mai vista. Tutto il quartiere dell’attentato è ora isolato, circondato totalmente da un cordone di sicurezza che rende la zona off limits. Solo il personale diplomatico può accedervi. Quello che si respira intorno è comunque terrore”.

Lo ha detto all’Adnkronos Luca Guerneri, responsabile progetti in Bangladesh per Terre des Hommes Italia in stretto contatto con un collega bengalese che descrive una situazione agghiacciante e che sta tentando di raggiungere la sede dell’ong a Dacca (attualmente chiusa per fine Ramadan), a soli 200 metri dal luogo dell’attentato terroristico in cui sono morte 20 persone, in gran parte italiani e giapponesi.

“I residenti del quartiere dell’attentato sono tagliati fuori per ora, non possono rientrare nelle proprie case per ragioni di sicurezza. E’ tutto bloccato”, ha continuato Guerneri raccontando che “i corpi delle vittime sono stati portati all’ospedale militare della città”.

“Ora siamo sintonizzati sugli stranieri perché questo attacco ha colpito loro – ha aggiunto Guerneri – ma c’è da aspettarsi anche un conseguente effetto grave che potrebbe colpire invece gli interessi economici. Causa ne sarebbe l’avvertita assenza di sicurezza nel paese che potrebbe scoraggiare gli investimenti soprattutto nell’industria dell’abbigliamento, la numero uno in Bangladesh. Una situazione preoccupante per l’economia bengalese”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS