A LUGLIO OCCHI PUNTATI AL CIELO: UNA DANZA DI PIANETI NELLA VOLTA CELESTE Il 4 luglio la Terra si troverà alla massima distanza dal Sole

3364

Saranno i pianeti i veri protagonisti del cielo di luglio. Lo rileva l’Unione Astrofili Italiani (Uai). Tante le possibilità di alzare gli occhi al cielo. Si inizia il 4 luglio, alle 18,00, quando la Terra si troverà alla massima distanza dal Sole, raggiungendo la posizione dell’orbita detta afelio. Nello specifico, il nostro pianeta si troverà a 152,1 milioni di chilometri dal Sole, contro la distanza media di “soli” 149.6 milioni.

Alle 4,30 del mattino, sempre di lunedì 4 luglio, è previsto inoltre l’arrivo della sonda Juno nell’orbita di Giove: sarà il primo veicolo spaziale a sorvolare i poli del gigante del Sistema Solare e a osservarne la superficie di vicino. Dopo aver dominato per mesi il cielo della sera, il pianeta sta gradualmente diventando più basso sull’orizzonte, dopo aver stupito gli astronomi con una spettacolare aurora polare. D’ora in poi tramonterà sempre prima e ci saranno ancora poche settimane per riuscire ad osservarlo. A fine mese sarà possibile vederlo solo per un’ora.

A metà luglio Marte e Saturno incontreranno la Luna. Il primo ad arrivare sarà il Pianeta Rosso, il 14 luglio, e il 15 luglio la Luna comincerà ad avvicinarsi a Saturno per superarlo nella notte successiva. Guardando verso Sud, quindi, sarà possibile osservare la suggestiva configurazione con la Luna, i due pianeti e la stella Antares, la più luminosa della costellazione dello Scorpione.

Luglio è anche il periodo migliore per osservare il Sagittario, la cui posizione ci indica la direzione del centro della Via Lattea, guardando verso Sud-Est. Alta nel cielo è ben visibile la stella Arturo, luminosissima. Chi ha un buon telescopio, infine, potrà provare a cercare Plutone, che si trova in opposizione al Sole, sempre nel Sagittario. Buona visione a tutti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS