BREXIT, BLAIR “PER NEGOZIARE L’USCITA DALL’UE SERVE UN SERIO STATISTA” Blair ha inoltre ribadito che "un ministro per la Brexit" euroscettico sarebbe la scelta sbagliata

657
blair

Tony Blair ha deciso di esprimersi sul Brexit e sulle conseguenze economiche e politiche che comporterà la vittoria del “Leave”, srivendo un interessante articolo sul quotidiano britannico “Telegraph”. L’ex Primo ministro inglese ha sollecitato il coinvolgimento di un “serio statista” per negoziare l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Blair ha inoltre ribadito che “un ministro per la Brexit” euroscettico sarebbe la scelta sbagliata per portare avanti negoziati con l’Ue.

L’articolo in questione sarà valutato da molti come una proposta di Blair di ricoprire un ruolo in questi negoziati, ma l’ex inquilino di Downing Street ha evidenziato che “ci sarà un negoziato di straordinaria complessità dove ci saranno un migliaio di diavoli in ogni dettaglio…Questo rende necessario un serio statista”.

L’ex premier dubita seriamente che incaricare dei negoziati sulla Brexit un ministro favorevole al fronte “Leave”- riferendosi a Michael Gove – sia una scelta “veramente ragionevole”. Alcontrario, ha sottolineato Blair nell’articolo, il leader dei negoziatori deve avere un “elevato livello di ragionevolezza…sulle cose su cui possono essere trovate compromessi e sulle cose da cui non si può derogare”.

“Sarà cruciale la psicologia degli altri Ventisette”, ha ancora detto l’ex primo ministro, il quale ha condannato lo sfogo beffardo di Nigel Farage all’Europarlamento di questa settimana, invitando il governo a non sottovalutare i danni che ha causato. “Il nostro Paese è in pericolo -ha concluso convinto sulle pagine del “Telegraph” l’ex premier europeista – per superare questo momento abbiamo bisogno di politiche adulte. Dobbiamo procedere con calma, maturità e senza recriminazioni. Perché in gioco c’è il futuro del Regno Unito”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS