BRUXELLES APPROVA LO SCUDO STATALE: 150 MLD ALLE BANCHE "Il Governo ha ritenuto opportuno essere pronto a intervenire a tutela dei risparmiatori"

558
attentati

Da Bruxelles arriva un primo sostegno per le banche italiane del dopo-Brexit. Gli istituti stanno vivendo infatti un momento di difficoltà a causa delle turbolenze dei mercati in seguito alla fuoriuscita della Gran Bretagna dalla Ue. La Commissione europea ha approvato in via preventiva uno schema di garanzie statali che potrà arrivare fino a 150 miliardi di euro e che permetterà alle banche – dovesse essercene bisogno – di far fronte ad eventuali crisi di liquidità grazie all’intervento del Governo.

L’annuncio del via libera di Bruxelles è bastato a far salire la Borsa di Milano che in chiusura ha virato in positivo. Lo schema richiesto dall’Italia – già usato in diversi Paesi – è autorizzato fino al 31 dicembre 2016 e “copre misure di supporto alla liquidità in favore di banche solventi come misura precauzionale”. Ma Bruxelles sottolinea che “non ci sono aspettative che sopravvenga la necessità di usarlo”.

Si tratta quindi di una misura cautelativa che può essere utilizzata solo da banche solvibili che devono far fronte ad esigenze di liquidità; in pratica, per evitare che in caso di forti tensioni sui mercati le banche non riescano a far fronte alle richieste dei depositanti o alle scadenze. Il fondo non potrà quindi essere utilizzato come strumento di ricapitalizzazione.

Fonti del Tesoro spiegano che “davanti alle turbolenze dei mercati finanziari dei giorni scorsi, il Governo ha ritenuto opportuno ipotizzare tutti gli scenari, anche i più improbabili, per essere pronto a intervenire a tutela dei risparmiatori”. E’ quindi solo “per ragioni di cautela” che il Governo ha preparato le misure necessarie ad affrontare “qualsiasi scenario”, anche se al momento non si vedono “le condizioni perché tali scenari possano realizzarsi”. Se la risposta dei mercati è stata positiva, le banche italiane aspettano invece di vedere costi e modalità dello schema prima di pronunciarsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS