CAMERUN, BOKO HARAM TORNA A COLPIRE: 15 MORTI PER ATTENTATI SUICIDI Solo in Camerun, gli uomini di Boko Haram hanno ucciso più di 480 civili

2325
camerun

Boko Haram torna a colpire il Camerun. Almeno quindici persone, infatti, sono rimaste uccise a seguito di una serie di esplosioni avvenute in un video club e una moschea al confine con la Nigeria. Ad annunciarlo,il governatore della regione Far North, il quale ha precisato che negli attacchi kamikaze sono rimaste ferite almeno 50 persone.

Questo episodio è solo l’ultimo di una lunga lista di attentati ai danni della popolazione: solo in Camerun, gli uomini di Boko Haram hanno ucciso più di 480 civili da quando, nel luglio dell’anno scorso, il gruppo terroristico filo-islamico ha aumentato i propri attacchi. Una vera e propria strategia del terrrore, che porta la società a sgretolarsi e i cittadini a vivere nella diffidenza e nella paura.

Solo ieri c’era stato un terribile attentato kamikaze, avvenuto più precisamente nella notte tra mercoledì e giovedì. Come riferisce sito online della rivista “Jeune Afrique”, un kamikaze di Boko Haram si era fatto esplodere nella notte a Djakana, località alla frontiera con la Nigeria. “Sette persone sono morte sul colpo e tra loro c’era lo stesso kamikaze. Quattro persone, invece, sono morte in seguito alle ferite riportate”, avevano riferito fonti di sicurezza locali. La maggior delle persone uccise dall’esplosione erano membri di un comitato di vigilanza, incaricato di contrastare i miliziani di Boko Haram e proteggere le forze di sicurezza in caso di infiltrazioni di jihadisti.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS