STRAGE DI ISTANBUL: LA CIA VEDE L’OMBRA DELL’ISIS

716
istanbul

Dietro l’efferato attacco all’aeroporto Ataturk di Istanbul, costato la vita a 42 persone, si cela l’ombra dell’Isis. Ne è certo il direttore della Cia, John Brennan, che ha parlato di “depravazione” tipica degli attentati messi a segno dal Califfato in questi anni. Di fatto, però, nessuna sigla jihadista ha ancora rivendicato la strage. E sul commando piombato indisturbato, imbracciando i kalashnikov, nel principale scalo della Turchia restano ancora molte ombre. Uno dei kamikaze ha agito da ariete, facendosi saltare in aria all’esterno e creando il caos che ha favorito l’ingresso degli altri due. Oltre ai tre terroristi kamikaze, che sarebbero tutti stranieri, fonti di polizia avevano parlato di quattro persone in fuga. Una è stata arrestata ieri sera, si tratterebbe di una donna. Ma nulla si sa al momento della sua identità.

Come fortissimo resta il riserbo sulla sorte dei tre ipotetici terroristi alla macchia. In queste ore, la Turchia guarda allo specchio soprattutto le lacune del suo sistema di sicurezza e di prevenzione. Una lettera che avvisava della minaccia imminente di attacchi dell’Isis giaceva da almeno 20 giorni sui tavoli delle autorità. Mittenti, gli 007 turchi. Tra i siti definiti a rischio, anche l’aeroporto Ataturk. Un allarme che è stato ignorato. O almeno, trascurato. Sotto accusa ci sono poi le falle della sicurezza nello scalo. Il doppio filtro di controlli, con un primo passaggio ai metal detector già all’ingresso, non è bastato a fermare i terroristi. Dallo Stato islamico, nel giorno simbolico in cui celebra il secondo anniversario dell’auto-proclamato Califatto da parte di Abu Bakr al Baghdadi, non sono giunte finora rivendicazioni esplicite.

Il governo di Ankara sottolinea come l’attacco sia giunto proprio nel giorno in cui ha firmato l’accordo di riconciliazione con Israele, a 6 anni dall’incidente della Mavi Marmara, e riallacciato i contatti con la Russia, suggerendo un nuovo tentativo di destabilizzazione. Al presidente Recep Tayyip Erdogan è giunta la solidarietà in due telefonate con Barack Obama e Vladimir Putin. Quest’ultimo lo ha chiamato dopo 7 mesi di silenzio, dopo la lettera di scuse del leader turco per il jet russo abbattuto. Parole di condanna sono state espresse anche dai leader di Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Belgio, Israele e da papa Francesco. La conta delle vittime si è arrestata solo nel primo pomeriggio, includendo almeno 15 stranieri di 9 nazionalità diverse: 6 sauditi, 2 iracheni, 1 tunisino, 1 uzbeko, 1 cinese, 1 iraniano, 1 ucraino, 1 giordano e una donna palestinese.

Al momento, non risultano esserci italiani. Oltre un centinaio di feriti accertati sono ancora in ospedale, di cui 41 in terapia intensiva. La Turchia, intanto, ha fretta di tornare alla normalità. Già di prima mattina lo scalo era stato parzialmente riaperto, ben prima di quanto previsto nell’immediatezza dell’attacco. Ma molte compagnie hanno preferito comunque non far partire subito i loro aerei per Istanbul. E nel Paese il clima resta tesissimo, coi social network inaccessibili fino a sera per evitare lo scambio e la diffusione di informazioni sull’attacco.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY