CHARLIE HEBDO, NUOVE MINACCE AI GIORNALISTI. LA PROCURA: “LI PRENDIAMO SUL SERIO” Il 7 gennaio 2015 morirono sotto i colpi dei fratelli Kouachi 12 persone, fra cui 5 disegnatori storici del giornale

525

Nuove minacce contro Charlie Hebdo, il settimanale satirico francese bersaglio dei terroristi islamici il 7 gennaio 2015. Secondo il quotidiano parigino Le Parisien, la direzione del giornale, che vive sempre sotto protezione della polizia, ha presentato una denuncia dopo il ripetersi di messaggi “che lasciano intendere” nuovi attacchi contro diversi membri della redazione.

La procura di Parigi li sta prendendo sul serio, tanto più che al giornale è arrivata anche una lettera di contenuto molto simile. I messaggi sul social network sono stati subito cancellati da mano ignota e, per il momento, non se ne conosce l’autore. Considerando che gli attentati dei gruppi terroristici organizzati non sono mai stati annunciati in anticipo, in questo caso potrebbe trattarsi di un “lupo solitario” che tenta di colpire nuovamente i cronisti dissacratori.

“Era parecchio tempo che non arrivavano messaggi di questo genere”, ha detto sempre a Le Parisien una fonte interna del giornale. Secondo un anonimo funzionario di polizia intervistato dal quotidiano, “Niente può essere lasciato al caso in vicende come queste. Gli autori delle minacce saranno identificati e dovranno spiegarsi per bene”. Il 7 gennaio 2015 morirono sotto i colpi dei fratelli Kouachi 12 persone, fra cui 5 disegnatori storici del giornale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS