SLOT, DISCO E RISTORANTI NELLE MANI DEL BOSS: 24 ARRESTI NEL CLAN GIOSTRA L'operazione Totem dei Carabinieri del Comando Provinciale di Messina e della Squadra Mobile messinese

592
Giostra

I Carabinieri del Comando Provinciale di Messina e la Squadra Mobile di Messina, stanno dando esecuzione all’operazione congiunta “Totem”, che ha portato all’arresto di 24 soggetti, ritenuti affiliati al clan messinese Giostra. Le accuse mosse agli arrestati sono associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, detenzione illegale di armi, esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa, corse clandestine di cavalli e maltrattamento di animali e altro, aggravati dalle modalità mafiose.

Le indagini hanno permesso di accertare estorsioni ad attività commerciali e documentato l’infiltrazione nel settore delle scommesse e del gioco d’azzardo attraverso sistemi telematici non autorizzati, da parte di un sodalizio mafioso, denominato Giostra, operante nel capoluogo peloritano, riconducibile all’attuale esponente di vertice della consorteria in argomento.

Gli arresti sono stati eseguiti nelle provincie di Messina, Catania, Enna, Mantova e Cagliari, con ordinanze di custodia cautelare in carcere per 20 soggetti, 3 ordine di custodia cautelare e 1 obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria. Tra i destinatari della misura anche un commissario liquidatore che, dall’agosto 2015, ricopre anche l’incarico di Vice Presidente del Messina Calcio.

L’operazione è iniziata dopo l’ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Messina, Monica Marino, su richiesta dei sostituti Procuratori della competente Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo Maria Pellegrino, Liliana Todaro e Fabrizio Monaco.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS