SI SENTE MALE A LAVORO: LICENZIATA

703
licenziata

Licenziata perché ha avuto una reazione allergica sul posto di lavoro. E’ la storia di Danielle Duperreault, liquidata dal suo datore per dei motivi davvero incredibili. Lei, canadese, era una commessa all’interno di un negozio di abbigliamento: dopo essere stata colpita da una grave reazione allergica, causata dall’aver mangiato delle noccioline durante il turno di lavoro, il suo capo avrebbe deciso di licenziarla in tronco. E’ stata proprio lei a raccontare la sua vicenda a BuzzFeed. La giovane racconta: “In pochi minuti, la mia lingua ha cominciato ad andare a fuoco, ho iniziato ad avvertire un fortissimo prurito su tutto il corpo e mi sono resa conto che stavo andando in shock anafilattico”.

Tuttavia, non appena la ragazza è giunta in ospedale, sul suo telefono ha letto un messaggio da parte del suo datore che la informava del licenziamento: “Ho cambiato i tuoi turni per il resto della settimana e, purtroppo, non potrai lavorare da noi. Ti auguro tutto il meglio”. Una storia per molti assurda, aggravata dalle accuse della ragazza verso il suo ex capo che, secondo le parole di Danielle, non l’avrebbe nemmeno aiutata nel momento di difficoltà: “Non è questo il comportamento che un datore di lavoro dovrebbe avere nei confronti di un proprio dipendente. Potevo morire”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS