REFERENDUM SULL’INDIPENDENZA DELLA CATALOGNA: ARTUR MAS RINVIATO A GIUDIZIO L'ex presidente della regione catalana è stato accusato di "disobbedienza e abuso di potere"

852
artur mas

“Disobbedienza, prevaricazione e abuso di potere”. E’ di quanto dovrà rispondere davanti a un tribunale Artur Mas, l’ex presidente della Generalitat, rinviato a giudizio per aver convocato il 9 novembre del 2014 un referendum consultivo sull’indipendenza della Catalogna. Insieme a lui, dovranno comparire davanti a ul giudice la ex vicepresidente del governo Joana ortega e la ex consigliera Irene Rigau.

Se la Fiscalia ribadirà le sue accuse contro i tre politici, gli ex membri del governo dovranno rispondere di “disobbedienza e prevaricazione” per aver ignorato il divieto del Tribunale Costituzionale (TC) di procedere con l’indizione del referendum. Nella chiusura dell’istruttoria, il giudice ha sottolineato che i tre membri del governo erano a conoscenza fin dal 4 di novembre, ossia il giorno in cui venne prodotta, la risoluzione del Tribunale Costituzionale. Inoltre, il giudice ha osservato che la giornata non può essere stata solo opera di volontari, ma crede che ci siano state implicazioni istituzionali. Inoltre, per la convocazione e celebrazione del 9-N (come viene chiamato il referendum), risulta come imputato anche l’ex consigliere della presidenza della Generalitat Francesc Homs. I tre politici, inoltre, hanno ricevuto dal Tribunale Costituzionale e dalla delegata del Governo in Catalogna, una comunicazione con la quale venivano informati della loro sospensione.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS