PRESENTATO IL LIBRO “GIUBILEI, SPIRITUALITA’, STORIA, CULTURA” L’opera consta di 34 saggi realizzati da 36 autori specialisti di varia provenienza, religiosa e laica, che affrontano la storia e i principali aspetti religiosi, sociali, economici, culturali e artistici dei Giubilei

626
giubilei

Un’opera straordinaria sulla storia dei Giubilei edita da Utet è stata presentata il 22 giugno nella splendida cornice dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede alla presenza di Alti Dignitari Ecclesiastici e rappresentanti dello Stato. Tra i relatori S.E. Mons. Rino Fisichella che ha commentato: “Un libro sul giubileo appartiene alla storia, il contenuto di tanti testi giunti fino a noi, ciò che domina è la bellezza dei contenuti in un momento in cui la bellezza è lontana, c’è tanto degrado. La peculiarità di questo anno straordinario è la Misericordia che ha molti volti, la consolazione è uno di quelli. Quando la ragione vuole spiegare la misericordia diventa un’impresa semantica districarsi tra i termini che la esprimono, la gabbia del linguaggio non la esprime a sufficienza. Questo è un giubileo originale, mai fino ad oggi è stato esplicitamente dedicato alla misericordia. Questo libro esprime il percorso giubilare, uscire da se stessi e mettersi in pellegrinaggio, andare incontro all’altro.” “Papa Francesco ha voluto questo Giubileo per avere un respiro di sollievo ai mali che si respirano, la qualità della proposta ha avuto e ha un impatto sulle comunità dove si celebra la misericordia, anche questo è originale, per la prima volta il Giubileo è decentrato, ovunque nel mondo ci sono le porte che si aprono alla misericordia.”

Un’opera editoriale di spessore enciclopedico per cultura e spiritualità, impreziosita da un ricco apparato iconografico, necessaria a comprendere pienamente il Giubileo in tutte le sue ampie e fondamentali sfaccettature. Il volume, ha ricevuto dal Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova evangelizzazione il logo ufficiale del Giubileo Straordinario della Misericordia. Il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione è stato creato da Benedetto XVI con lo scopo di “promuovere una rinnovata evangelizzazione nei Paesi dove è già risuonato il primo annuncio della fede e sono presenti Chiese di antica fondazione, ma che stanno vivendo una progressiva secolarizzazione della società e una sorta di «eclissi del senso di Dio», che costituiscono una sfida a trovare mezzi adeguati per riproporre la perenne verità del Vangelo di Cristo”.

L’opera consta di 34 saggi realizzati da 36 autori specialisti di varia provenienza, religiosa e laica, che affrontano la storia e i principali aspetti religiosi, sociali, economici, culturali e artistici dei Giubilei, con uno specifico approfondimento dedicato al Giubileo della Misericordia. Tra gli autori ricordiamo Padre Antonio Spadaro, Direttore della rivista “Civiltà Cattolica”, Vincenzo Vitiello, filosofo e docente di Filosofia Teoretica all’Università di Salerno, Franco Cardini, storico e docente all’Istituto Italiano di Scienze Umane, Lucetta Scaraffia, storica e giornalista, Paolo Ricca, teologo e docente presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo, Derrik de Kerckhove, sociologo e docente all’Università Federico II di Napoli, Massimo Miglio, Presidente dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, Claudio Strinati, storico dell’arte e già soprintendente del Polo museale romano, Roberto Antonelli, accademico dei Lincei e docente di filologia romanza all’Università La Sapienza di Roma, Francesco Rutelli, senatore emerito ed ex sindaco di Roma, Mons. Mario Lusek, direttore dell’ufficio nazionale della CEI per la pastorale del turismo, sport e tempo libero, Angelo Scelzo, vicedirettore della Sala stampa della Santa Sede e Mons. Marco Frisina, compositore e direttore della Pontificia Cappella Musicale Lateranense.

Per ultimo ma non meno importante è stato il contribuito dei migliori laboratori e delle più qualificate esperienze artigianali ed editoriali del nostro paese, a cui è stato fatto ricorso per redigere questo tomo per il quale è stata coniata una medaglia di grande valore artistico. La medaglia scultura Misericordiosi Come Il Padre è stata disegnata dal maestro Giuliano Vangi (il diritto) e dal maestro Patrizio Daniele (il rovescio).

Diretto dal Professor Alberto Abruzzese, sociologo della comunicazione, dal Professor Andrea Pollarini, esperto del settore degli eventi e della progettazione culturale e docente presso lo Iulm, il volume è curato dal Professor Luca Massidda, docente di Sociologia Urbana presso la Scuola di Architettura e Design di Ascoli Piceno, Università di Camerino. Sono sei le sezioni in cui il testo è diviso :

La prima, dal titolo Il Giubileo Straordinario della Misericordia, analizza l’importanza dell’evento e le sue implicazioni nella società contemporanea. La seconda sezione, è dedicata alla Storia dei Giubilei ed esplora l’evento partendo dalle radici ebraiche e seguendone l’excursus e l’evoluzione dal 1300 fino ai nostri giorni. La terza sezione, intitolata L’evento religioso, analizza le radici religiose e teologiche del Giubileo, la penitenza, il concetto di indulgenza, i simboli giubilari e le reliquie. Segue la quarta sezione che affronta L’evento mondano, nel quale scopriremo i risvolti economici e comunicativi dei Giubilei, dalle prime narrazioni fino all’utilizzo dei nuovi media come Twitter.

La quinta sezione dal titolo Il viaggio, i pellegrini, esplora il fenomeno del pellegrinaggio nei secoli e di come, con la caduta di Gerusalemme, Roma ne prenda il posto come meta agognata e ideale dei fedeli. L’ultima sezione, Estetiche, descrive l’enorme impatto che l’evento nei secoli ha avuto sulla cultura, passando dalla letteratura, dall’architettura fino all’arte figurativa, dove l’elenco di artisti è veramente sterminato iniziando da Giotto, coinvolto nel primo Giubileo della storia, fino alla realizzazione dell’incisione di Pierluigi Isola.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS