LIBIA, LE MILIZIE DI MISURATA: “AVANZIAMO VERSO IL CENTRO DI SIRTE” Prosegue l'operazione per liberare la città dall'Isis. L'Oman svolgerà un ruolo di mediazione

589
sirte

“Prosegue l’operazione militare per la liberazione di Sirte” dall’Isis da parte delle milizie libiche fedeli al governo di unità nazionale di Fayez al Sarraj. Lo riferisce la stampa locale affermando aggiungendo che “nelle ultime 24 ore si sono avuti 4 morti fra i miliziani e 18 feriti”. Le “milizie avanzano sull’asse sud, in una zona residenziale vicina al Centro Ouagadougou”, quartier generale dell’Isis nel centro di Sirte.

Fonti del luogo aggiungono che i jihadisti “sono posizionati nei quartieri 1, 2, 3 ed in quello conosciuto con il nome Dolar e vicino al porto, con cecchini sui tetti”. Intanto Aguila Saleh, presidente della Camera dei rappresentanti di Tobruk, il Parlamento che ancora non ha conferito la fiducia al governo Sarraj, è volato a Muscat in Oman per incontri. Il sultanato – scrive Alwasat – si starebbe ritagliando un ruolo da mediatore nel conflitto libico. Previsto un incontro tra Saleh e l’inviato Onu Martin Kobler.

Il premier del governo libico di accordo nazionale, Fayez al Serraj, tra l’altro ha rivelato che “un Paese ci ha offerto sostegno logistico per l’operazione militare su Sirte”. Pur non rivelando il nome del paese in questione, il premier di Tripoli ha aggiunto di aver “ricevuto sostegno limitato anche con dei consiglieri per l’operazione al-Bunian al-Marsus”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS