BREXIT, MATTARELLA: “C’E’ RAMMARICO, IL FUTURO E’ IN EUROPA” Il capo dello Stato: "Siamo legati a un destino comune". Italiani preoccupati per i propri risparmi

852
mattarella

“Sono qui con i presidenti della Repubblica austriaca, tedesca e croata per partecipare alla festa dei 25 anni di fondazione della Slovenia. Siamo qui con Paesi amici e vicini. Particolarmente oggi va sottolineato come siamo legati dal comune destino europeo”. Lo ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando a Lubjana a margine della commemorazione dei 25 anni della Slovenia. “E’ significativo che questo incontro a Lubiana tra Paesi appartenenti all’Unione Europea avvenga dopo aver conosciuto l’esito del referendum britannico – ha osservato il capo dello Stato -. Esito che rispettiamo anche se è motivo di rammarico. Intendiamo riaffermare la validità storica e l’importanza per il futuro dei nostri giovani dell’Unione europea e delle sue prospettive che vanno rilanciate con convinzione”.

A preoccupare gli italiani è soprattutto lo scenario economico che il Brexit produrrà nel medio periodo. Difficile dire quanto la fuga all’inglese cambi la vita dei risparmiatori, mentre sul fronte delle imprese da Prometeia indicano che “per la prima volta da 40 anni” ci potrebbero essere dazi sul mercato britannico. Questi ultimi potrebbero valere più del 5% del valore esportato – 22,5 miliardi di euro nel 2015 secondo l’Istat – e, immaginando che se ne facciano interamente carico le aziende italiane, la Brexit potrebbe costare 1,12 miliardi di euro, una cifra pari allo 0,25% dell’export italiano nel mondo.

RISPARMIO GESTITO, E’ IL MOMENTO DI TENERE. Per chi ha sottoscritto quote di fondi di comuni di investimento c’è una conseguenza immediata ed è legata all’andamento dei mercati finanziari. In questo caso il consiglio unanime dei gestori è di mantenere i propri risparmi o incrementare le quote per “mediare le perdite”. Chi sottoscrive Piani di Accumulo può sospenderli ed aspettare tempi migliori per riprendere a comprare, mentre chi vuole vendere può optare per lo switch (conversione), passando per esempio da fondi azionari a fondi obbligazionari senza dover vendere.

VITICULTORI IN ALLARME. Uno dei settori più allarmati dalla Brexit è quello della viticoltura. Secondo Coldiretti la Gran Bretagna è diventato il primo mercato mondiale di sbocco per lo spumante italiano, con un incremento del 38% di bottiglie vendute nel primo trimestre di quest’anno. Per il vino in generale – sottolineano a Federvini – invece è il terzo mercato. A a soffrire però è l’intero comparto agricolo. L’Inghilterra, con i suoi 3,2 miliardi di euro di controvalore, è il quarto mercato di sbocco estero dei prodotti italiani, a fronte di un flusso contrario di appena 701,9 milioni.

ALIMENTARE PERDE 450 MLN, MODA 200. L’industria alimentare è tra le più esposte, secondo le stime di Prometeia, e arriverebbe a perdere 450 milioni di euro, pari al 14% del totale esportato (2,9 miliardi). Altro settore in sofferenza sono l’abbigliamento e le calzature, che potrebbero veder andare in fumo oltre 200 milioni di euro di esportazioni, pari a quasi il 9% del totale venduto Oltremanica. Coinvolti anche i mezzi di trasporto (3,3 miliardi di euro) ed i macchinari (3,1 miliardi). Dalla Gran Bretagna invece l’Italia acquista mezzi di trasporto per 2,2 miliardi, farmaci per 1,1 miliardi, macchinari (1,04 miliardi), prodotti chimici (1 miliardo) ed elettronica (0,9 miliardi).

LA CONCORRENZA DELLA STERLINA. La sterlina debole potrebbe invertire in termini di competitività il rapporto che c’era tra Italia e Inghilterra ai tempi della lira. Soprattutto per il settore della meccanica, dei prodotti da forno, della farmaceutica, dell’arredamento da ufficio e della oreficeria/gioielleria, insieme agli articoli sportivi, alla rubinetteria e al valvolame.

IMMOBILIARE A DOPPIO TAGLIO. Il tasso di cambio potrebbe penalizzare chi ha investito nel settore immobiliare negli ultimi 30 anni – spiega Alessandro Ghisolfi di Casa.it – mentre sarà un’opportunità per chi “avrà voglia di rischiare”. “Le occasioni per fare shopping immobiliare non mancheranno”, afferma aggiungendo che “se i danni all’economia reale si avverassero come hanno sempre sostenuto i contrari alla Brexit, allora il mercato del mattone ne subirebbe le conseguenze peggiori”. Per il momento “non pochi potenziali acquirenti di case si sono fermati e hanno rinviato la loro decisione, in attesa di capire meglio cosa succederà”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS