LITIGANO IN UN PARCHEGGIO ED E’ RISSA TRA UN UOMO E UNA DONNA

740
parcheggio

Ha colpito violentemente una donna durante un furioso litigio, per poi aggredire una passante arrivata in soccorso della donna stramazzata al suolo. E’ quanto si vede in un filmato girato in un parcheggio della città russa di Ekaterinburg, capoluogo della regione dello Sverdlovsk, e caricato su YouTube nei giorni scorsi. Secondo quanto riportato da diverse testate britanniche, il video è stato girato da una finestra di un palazzo situato nei pressi del parcheggio in cui i due stavano discutendo animatamente, urlando uno contro l’altra. Facendo attenzione alle parole gridate, si riesce anche ad udire “ma che ca*** hai fatto?”, una frase ben scandita dalla donna che ha poi colpito l’uomo con schiaffi e calci. Dopo poco il giovane, probabilmente ubriaco, ha reagito scagliandosi contro di lei e colpendola più volte, anche al volto.

La violenza dell’uomo non si è fermata neanche quando è intervenuta una passante in soccorso della donna colpita e finita a terra: a questo punto, infatti, l’uomo ha cercato di prenderle con la forza il telefono cellulare, temendo (forse) di essere stato filmato.

Non è la prima volta che i parcheggi pubblici diventino il palco per violenza e regolamentazioni di conti. Nel 2014, un uomo ha litigato col vicino di casa e lo ha preso a calci in faccia e pugni fino a ridurlo in fin di vita. Una scena a cui hanno assistito la moglie della vittima, Victoria Ermolayeva, e la figlia che all’epoca aveva un anno. La colpa dell’uomo finito ko è stata di aver parcheggiato nel posto non suo. Quando uno dei vicini di casa l’ha redarguito, l’uomo ha cominciato a prenderlo a calci e pugni. La vittima è stata portata in ospedale, con diverse lesioni al volto e una commozione cerebrale riportati nel pestaggio. La polizia ha quindi acquisito il video del pestaggio e, dopo aver identificato l’aggressore, lo ha arrestato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS