LA TUNISIA RIFORMA LA COOPERAZIONE CON IL G7 E L’UE E LE BANCHE Il Ministro degli Esteri, Khemaies Jhinaoui, annuncia il progetto di sviluppo economico del Paese

539

Nell’ambito del processo di riforma nell’organizzazione politica e sociale da più parti invocato nel Paese, la Tunisia si è dotata di un nuovo sistema di cooperazione economica con i Paesi del G7 e dell’Unione Europea, per ridurre i ritardi nell’esame dei progetti e dei finanziamenti e rispondere più efficacemente ai bisogni urgenti del Paese, promuovere l’economia, investire sulla crescita, ridurre la disoccupazione e spingere sullo sviluppo.

Lo ha reso noto il Ministero degli Esteri tunisino, dopo un incontro tra i ministri degli Esteri, Khemaies Jhinaoui e dello Sviluppo, degli investimenti e della cooperazione internazionale, Yassine Brahim.

Un paio di settimane fa, il governatore della Banca centrale della Tunisia, Chedly Ayari, in un’audizione in Parlamento nell’ambito della discussione sulla nuova legge di riforma del sistema bancario, aveva affermato che il sistema finanziario nazionale presenta un ritardo di dieci anni, rispetto a Paesi come la Giordania e il Marocco, e dunque necessita di una urgente riforma. Ma, aveva assicurato,”le banche tunisine sono lontane dal fallimento, con l’eccezione di due istituti di credito”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS