AL VIA LA MATURITA’ 2016: MEZZO MILIONE DI STUDENTI ALLE PRESE CON L’ITALIANO Su internet impazza il toto prova: Quasimodo l'autore più gettonato. Terrorismo, migranti e Giubileo per il tema d'attualità

679
esame

Mezzo milione di studenti italiani si confronteranno oggi con la prima prova dell’esame di Maturità, quella d’italiano, uguale per tutti gli istituti. Anche quest’anno si potrà scegliere tra il tema e le altre proposte, come il saggio breve, l’analisi del testo e l’articolo di giornale. Migliaia di ragazzi in queste ore si sono rivolti al web per cercare di capire con quali argomenti si confronteranno. Si tratta ovviamente di previsioni e nulla più, visto che le tracce sono top secret.

Per quanto riguarda l’analisi del testo, dopo “Il sentiero dei nidi di Ragno” di Italo Calvino, capitato nel 2015, quest’anno sarà, con ogni probabilità, la volta di una grande poesia. I nomi più gettonati, dai diversi siti, sono quelli di Salvatore Quasimodo (anche se uscì già nel 2014), Ugo Foscolo, Giacomo Leopardi e Alessandro Manzoni. L’outsider, per il testo narrativo, è Umberto Eco, scomparso quest’anno.

Per il tema d’attualità il ministero ha potuto scegliere tra diversi argomenti: unioni civili, terrorismo internazionale, migranti, scandalo Volkswagen, Giubileo della Misericordia ed Expo. Ma non sono da escludere possibili sorprese. Quest’anno, fra l’altro, ricorrono i 70 anni dalla nascita della Repubblica Italiana, i 100 dalla Teoria della relatività di Einstein e i 30 dal disastro di Chernobyl. Tutti argomenti buoni per il tema storico o il saggio breve.

Dopo l’italiano la Maturità proseguirà il 23 giugno con la seconda prova, specifica per ogni tipo di istituto. Al classico è uscito greco, allo scientifico matematica. la successiva settimana ci sarà terza prova. Poi inizieranno gli orali.

Per migliorare le proprie performance gli esperti consigliano di dormire 7-8 ore a notte, limitare l’assunzione di caffè, non mangiare troppo durante le prove (la digestione provoca sonnolenza), bere circa 2 litri di acqua, fare una leggera attività fisica nelle pause di studio, non fumare e usare poco gli smartphone, che possono rallentare l’apprendimento.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS