OMICIDIO JO COX, OBAMA: “IL MONDO E’ MIGLIORE GRAZIE A LEI”

586
  • English
JO COX

Il mondo della politica internazionale è ancora sotto choc per il brutale assassinio della deputata laburista Jo Cox. Il presidente americano, Barack Obama, durante un colloquio telefonico con Brendan Cox, il marito della la parlamentare, ha espresso la sua profonda vicinanza alla famiglia e la sua gratitudine per quello che la deputata stava facendo per la pace e la tolleranza.  ”Il mondo è migliore grazie a Jo” ha affermato Obama, sottolineando che ”non c’e’ giustificazione per un crimine così atroce, che ha sottratto alla famiglia, alla comunità e al paese una moglie, una mamma e un funzionario pubblico”.

La Gran Bretagna e l’intera Europa stanno reagendo con durezza a un omicidio così grave e inspiegabile. L’assassinio è un “attacco alla democrazia”, ha detto il segretario del Labour Party Jeremy Corbyn durante la sua visita a Birstall, dove è avvenuto l’assassinio della parlamentare, da lui definito come “atto mosso dall’odio”.

“Dove vediamo l’intolleranza dobbiamo respingerla. Questi sono i valori che Jo Cox rappresentava”, ha detto il premier britannico David Cameron, che ieri aveva commentato la notizia della morte della parlamentare giudicandola “una tragedia”.

Anche La regina Elisabetta ha partecipato al cordoglio per la perdita di un elemento così importante della politica ingese e ha scritto in forma privata una lettera di condoglianze a Brendan Cox, marito di Jo.

Intanto le indagini della West Yorkshire Police si concentrano sulle connessioni tra Tommy Mair, l’uomo accusato di aver ucciso la deputata, e i movimenti di estrema destra che sembrano aver avuto un ruolo di rilievo nella vita dell’omicida. Lo riferisce un comunicato della polizia, precisando che come secondo filone viene approfondito quello dei “problemi mentali” avuti dal killer in passato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS