BREXIT, FINANCIAL TIMES: “USCIRE DALL’ UE E’ UN ATTO DI AUTOLESIONISMO” L'autorevole quotidiano britannico si schiera dalla parte dell'impegno con l'Unione Europea

450
brexit

Il referendum sulla permanenza nell’Unione Europea sarà un momento storico di estrema importanza, secondo il quotidiano britannico Financial Times. La campagna per il “remain” o per il “leave” ha letteralmente diviso il Paese in due perché in gioco non c’è soltanto la sicurezza econimica del Paese, ma anche la democrazia e la libertà.

In un articolo pubblicato stamane, il Financial Times ha lanciato un chiaro messaggio ai sostenitori del Brexit: in caso di vittoria dei detrattori dell’Europa, le conseguenze sull’economia britannica sarebbero pesantissime. Un impegno costruttivo con l’Europa, infatti, ha permesso al Regno Unito di fronteggiare numerose minacce, dal terrorismo di matrice islamica al cambiamento climatico, passando per l’aggressività di Putin e il problema dei migranti. Cosa accadrebbe, quindi, se la nazione fosse isolata dal resto dell’Europa?

Da quando il Paese è entrato a far parte dell’Unione Europea nel 1973 – ricorda il Finacial Times -, il Prodotto Interno Lordo pro capite è cresciuto più velocemente rispetto ad altre nazioni come la Francia, la Germania e l’Italia. Far parte di un unico grande mercato, inoltre, ha attirato gli investimenti dall’estero e ha favorito il mercato del lavoro.

Le ragioni del “remain” per il Financial Times sono chiare: un Regno Unito che fa parte dell’Ue è una nazione più sicura e più salda dal punto di vista economico.

Sulle conseguenze della vittoria del fronte Brexit si è espressa anche la presidente della Federal Reserve, Janet Louise Yellen, la quale ha confermato i timori del quotidiano britannico per il rallentamento del mercato del lavoro in caso di uscita dall’Ue. La Yellen, durante la conferenza stampa a termine della due giorni del Fomc e delle Fed, ha anche ammesso che il rischio Brexit è un fattore importante per le decisioni di politica monetaria della Federal Reserve: “E’ corretto dire che è uno dei fattori che ha influenzato la decisione di oggi – ha specificato, aggiungendo che – potrebbe avere a sua volta delle conseguenze per le prospettive economiche degli Stati Uniti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS