INDIA, CRESCE IL NUMERO DI CITTADINI DI FEDE CRISTIANA Nel decennio 2001-11 si è registato un importante aumento di cristiani in ben 3 Stati

505
india

Cresce la popolazione cristiana in India: nei tre Stati di Orissa, Chhattisgarh e Jharkhand è il numero di cittadini di fede cristiana è aumentato con un tasso di crescita più veloce rispetto alla crescita della popolazione totale nel periodo del decennio 2001-11. Ad affermarlo è una ricerca del Centre for Policy Studies (Cps), un centro studi con base a Chennai che ha analizzato in modo approfondito i dati emersi dal censimento del 2011. Secondo il le statistiche, nel complesso, i cristiani in India sono circa 27,8 milioni, e di questi quasi 2,5 milioni vivono nei 3 stati indiani di Orissa, Chhattisgarh e Jharkhand. Questi, quindi, costituiscono una delle regioni con la maggiore presenza cristiana in India, cioè circa il 9,3%.

La presenza cristiana è sempre stata importante nell’area di Ranchi, in Jharkhand, nel vicino distretto di Sundargarh (in Orissa) e in quello di Jashpur (in Chhattisgarh). Le altre aree dove si concentrano i cittadini di fede cristiana sono invece i distretti di Gajpati e Kandhmal, sempre in Orissa, e quello di Santhal Pagana, in Jharkhand. Secondo la nota del centro studi comunicata al’agenzia di stampa Fides, in alcuni distretti minori, come ad esempio nella regione di Ranchi, la popolazione cristiana giunge fino all’80% della popolazione complessiva.

Per quanto riguarda il più famoso distretto di Kandhamal, in Orissa, conosciuto per essere stato triste teatro dei pogrom anticristiani perpetrati dalle forze fondamentaliste indù nel 2008 – che hanno causato la morte di centinaia di persone- la ricerca conferma che qui il cristianesimo ha registrato larga diffusione a partire dal 1981, passando dal 9,4% della popolazione al 20,3% nel 2011.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS