LIBIA, APPELLO DELL’ONU ALL’UNITÀ CONTRO l’ISIS Nell’ultima intervista in Italia, il 15 marzo 2011, il Colonnello Gheddafi aveva avvertito: “Senza di me, il Mediterraneo un mare di caos”

580
siria

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato all’unanimità una Risoluzione che contiene un appello all’unità per rafforzare le forze di sicurezza nazionali nella difesa della Libia dalla minaccia del terrorismo.

Il documento ufficiale incoraggia il governo di unità nazionale, guidato dal premier Fayez al Sarraj sotto l’egida dell’Onu, ma senza la fiducia dei Parlamenti di Tripoli e Tobruk, a stipulare intese nell’ambito della  sicurezza, per portare una stabilità politica in Libia, “come passo cruciale per affrontare la situazione politica, di sicurezza, umanitaria,economica allo scopo di fronteggiare la minaccia del terrorismo”.

Da quando il leader Mu’ammar Gheddafi è stato ucciso, il 20 ottobre 2011, il Paese versa nella confusione, nella guerra civile e, soprattutto, è in mano agli jihaidsti dello Stato Islamico, In una, terribilmente profetica, intervista al quotidiano “Il Giornale”, l’ultima pubblicata in Italia, a firma di Fausto Biloslavo, il 15 marzo 2011, il rais aveva avvertito: “La scelta è tra me o al Qaeda. Il Mediterraneo  diventerà un mare di caos”. E ancora: “Se al posto di un governo stabile, che garantisce sicurezza, prendono il controllo queste bande legate a Bin Laden, gli africani si muoveranno in massa verso l’Europa”.  E pure: “Tutto il Nord Africa potrebbe trasformarsi in una sorta di Gaza”. Dietro la sua uccisione, si disse per mano dei ribelli, c’è l’ombra dei servizi francesi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS