MAILGATE, ASSANGE: “IN ARRIVO ALTRE MAIL DELLA CLINTON” Prosegue lo scandalo che ha coinvolto la candidata dem alle presidenziali Usa

1031
assange

Prosegue maigate, lo scandalo che ha colpito la candidata dem alla presidenziali Usa 2016, Hillary Clinton. Infatti, il fondatore di Wikileaks, Assange, sta pianificando di pubblicare altre email dell’ex first lady e segretario di Stato Usa. “Abbiamo in arrivo leaks in relazione a Clinton – ha affermato Julian Assange in un’intervista -. Abbiamo email che sono in attesa di essere pubblicate”. L’ex Segretario di Stato, secondo le dettagliate indagini del New York Times, ha usato la sua mail personale per le comunicazioni ufficiali durante i suoi 4 anni di mandato, dal 2009 al 2013, proprio mentre era alla guida della diplomazia americana, violando così le regole federali a cui devono attenersi tutti i membri del governo. Per questa pratica è sotto indagine dall’Fbi.

Nel marzo dello scorso anno, il sito Wikileaks, aveva reso pubblico un archivio di oltre 30 mila messaggi che Clinton aveva inviato e ricevuto mentre mentre dirigeva la diplomazia statunitense. Dal 2006, anno in cui Assange ha fondato il network, sono stati resi noti cmigliaia di documenti diplomatici, classificati come top secret, provenienti da tutto il mondo, legati allo spionaggio, a crimini di guerra o alle torture e ad altre violazioni dei diritti umani. Gli Stati Uniti lo hanno accusato di spionaggio, cospirazione, furto di proprietà del governo e frode informatica. Incriminazioni per le quali Assange potrebbe essere condannato a 45 anni di carcere. Dal 2012 risiede nell’ambasciata ecuadoregna a Londra, a seguito della paura di essere estradato. In primis in Svezia, dove è stato accusato di violenza sessuale, e poi negli Usa dove potrebbe essere processato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS