BOIA GIUSTIZIA IL FRATELLO, NUOVO VIDEO HORROR DELL’ISIS L'esecuzione è contenuta in una clip girata dagli uomini del Califfato vicino a Mosul

721
isis

Nuovo video choc dell’Isis che mostra una condanna a morte eseguita dal fratello della vittima. La clip di esecuzioni di “spie” e “miscredenti” dura 15:11 minuti ed è stata pubblicato sabato sera dall’ufficio media della “provincia di al Jazira”: così l’Isis indica la zona a Ovest di Mosul, la sua roccaforte nel Nord dell’Iraq. Nel materiale video, visionato da askanews, tre filmati mostrano l’esecuzione di altrettanti gruppi di persone. La trama è la solita: i condannati vestiti con tute arancioni e i carnefici in nero o con divise mimetiche.

Si inizia con le “confessioni” delle vittime di aver segnalato postazioni di jihadisti in città, seguite da immagini di bambini e donne uccisa da raid aerei e quindi si passa al fine dell’esecuzione davanti alla folla. Nel terzo filmato si vedono due uomini vestiti in arancione condotti dai loro carcerieri con il volto coperto e vestiti in nero. Ad attenderli in mezzo la piazza i due boia, uno di loro a volto scoperto è indicato da una freccia con la scritta: “Il nostro fratello Abdullah uccide il suo fratello miscredente”.

“Walaa wa Baraa”; (dall’arabo “Lealtà e Dissociazione”), è l’altra scritta posta sul fronte del carnefice che sta per uccidere il fratello. Quindi cambio di scena con il boia, che sbandierando una pistola dietro il fratello inginocchiato, bendato e con le mani legate, spiega il perchè della crudeltà che sta per perpetrare: “Il mio messaggio alla mia famiglia ed alla mia tribù è questo: il vestito della vergogna che questo (indica con il dito il fratello davanti a sé) voleva farvi indossare non lo metterete a dosso grazie ad Allah. Sono qui per rendervi puri dal marchio della vergogna affinché le vostre teste rimangano alte”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS