IL PAPA: “SI NUTRONO LE GUERRE E SI RUBA A CHI HA FAME”

471
papa pam

“Continuare a lottare con vigore, per il tanto desiderato obiettivo della ‘fame zero’!”. Lo ha detto Papa Francesco al Pam, nel discorso rivolto nella sede di Roma all’assemblea del Programma Alimentare mondiale, definito “un valido strumento della comunità internazionale per intraprendere attività sempre più rigorose ed efficaci”, ricordando che “la credibilità di una istituzione non si basa sulle sue dichiarazioni, ma sulle azioni compiute dai suoi membri”.

Perché “la lotta contro la fame che patiscono tanti nostri fratelli è una causa che non può non interpellarci”, sottolinea il Pontefice dicendo no alla “naturalizzazione della miseria”. E mette in guardia dal rischio che “a poco a poco, diventiamo immuni alle tragedie degli altri e le consideriamo come qualcosa di ‘naturale’: sono così tante le immagini che ci raggiungono, che noi vediamo il dolore ma non lo tocchiamo, sentiamo il pianto ma non lo consoliamo, vediamo la sete ma non la saziamo”. In questo modo, avverte il Papa, “molte vite diventano parte di una notizia che in poco tempo sarà sostituita da un’altra. Ma, mentre cambiano le notizie, il dolore e la fame e la sete non cambiano, rimangono”.

“La fame è un flagello dovuto a una egoista e cattiva distribuzione delle risorse” scandisce il Papa, e “in alcuni casi, la fame stessa viene usata come arma di guerra. Le vittime si moltiplicano – osserva il Pontefice – perché il numero delle persone che muoiono di fame e sfinimento si aggiunge a quello dei combattenti che muoiono sul campo di battaglia e a quello dei molti civili caduti negli scontri e negli attentati. Siamo pienamente coscienti di questo, però lasciamo che la nostra coscienza si anestetizzi, e così la rendiamo insensibile”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY