TRENTINO, MORTI DUE ALPINISTI MILANESI SULLA PRESANELLA I due coniugi di 54 anni stavano arrampicandosi sul canalone della parete nord della Cima Vermiglio

815
presanella

Due alpinisti sono morti in un incidente in montagna sulle pendici della Presanella in Trentino. I due, marito e moglie di Milano, Massimo Albini e Beatrice Corona, entrambi di 54 anni, stavano arrampicandosi sul canalone della parete nord della Cima Vermiglio quando intorno alle 9 di ieri uno di loro ha perso l’appiglio sulla roccia. I due alpinisti erano legati tra loro e così entrambi sono precipitati, cadendo per 300 metri e schiantandosi su una roccia, morendo sul colpo. Erano gli ultimi di alcune cordate che stavano salendo sulla parete settentrionale.

I coniugi, residenti nel quartiere milanese della Comasina, erano partiti poco dopo l’alba per affrontare l’escursione in una delle prime belle giornate della stagione alpinistica estiva che si è aperta proprio in questi giorni dopo le settimane di maltempo che hanno caratterizzato il clima nelle Alpi. Improvvisamente, la tragedia dovuta a un errore umano: uno dei due alpinisti ha perso l’appiglio, trascinando nella caduta anche il compagno.

L’allarme non è stato dato subito, nonostante sul posto vi fossero le altre cordate impegnate nella medesima ascensione. In quella zona, infatti, i telefoni cellulari non prendono, così gli altri alpinisti sono dovuti arrivare fino in cima per poter dare l’allarme. Quando la chiamata è arrivata al 118, la centrale operativa ha mandato sul posto l’elicottero di Trentino emergenza e una squadra del Soccorso alpino. I due sfortunati alpinisti sono stati raggiunti intorno alle 10,30; i sanitari non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. Il Soccorso alpino ha infine portato i corpi a valle.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS