PAURA IN AEROPORTO, CALCIATORE BELGA PERDE IL VOLO E URLA: “BOMBA!”

548
bomba

E’ un calciatore poco conosciuto. In Italia è passato quasi inosservato: due sole presenze con la maglia della Fiorentina, e un campionato appena sufficiente con quella del Genoa. Ma all’aeroporto Zaventem di Bruxelles, lo stesso scosso dagli attentati jihadisti del 22 marzo scorso, lo hanno notato. Anthony Vanden Borre, difensore belga dell’Anderlecht, voleva imbarcarsi su un volo per Creta. Ma ha perso l’aereo, e probabilmente anche la pazienza. Il tono della voce sempre più alto, poi le urla: “Bomba!”.

Voleva andare in vacanza, ma è arrivato in ritardo. Le operazioni di imbarco erano già state chiuse e l’aereo era già dato in partenza. Secondo il racconto fatto da alcuni testimoni, non ha accettato il rifiuto ed è andato in escandescenza. Furioso, ha cominciato ad alzare la voce, inveendo contro un membro del personale della compagnia aerea. “Io un aereo me lo compro”, ha urlato, prima di gridare “Bomba!”.

E a Zaventem, è rischioso urlare quella parola. Perché si risvegliano dolore e commozione, panico ed orrore, attirando l’attenzione di astanti, passeggeri, accompagnatori, dipendenti e forze di sicurezza. Queste ultime, inevitabilmente, sono intervenute. Un controllo, una denuncia e il via libera. Tutto esagerato, stando ad alcuni amici del calciatore, che hanno raccontato una versione diversa dei fatti.

“E’ accaduto all’indomani dei 20 chilometri di Bruxelles che aveva corso per una buona causa”, ha raccontato un amico, citato da Derniere Heure. “Anthony è semplicemente arrivato in ritardo per il suo volo e ha preso quello dopo. Effettivamente si è un po’ innervosito nell’apprendere che aveva perso l’aereo per poco, ma non ha mai minacciato nessuno. Ha solo detto al personale della compagnia aerea: ‘fareste meglio a prendervi cura delle bombe, piuttosto che impedirmi l’imbarco’. Nulla di grave, quindi”. A quel punto sarebbe arrivata la polizia aeroportuale, ma “tutto era tranquillo, Anthony si è scusato per essersi innervosito ed ha anche scherzato con la polizia”. Capitolo chiuso, tranne che per la JetAir. Come vuole la normativa in casi di incidente, Vanden Borre è stato bandito dalla compagnia: con loro non potrà più viaggiare.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS