A ROMA UNA MOSTRA SULLE OPERE D’ARTE RECUPERATE DAI CARABINIERI Da oggi al prossimo 3 luglio, al Museo Storico dell’Arma in Piazza Risorgimento

535
arma

Da oggi, mercoledì 8 giugno, presso il Museo Storico dell’Arma in Piazza Risorgimento, sarà possibile visitare una mostra di opere pittoriche e archeologiche recuperate recentemente dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. L’esposizione, presentata questa mattina al pubblico da Umberto Broccoli alla presenza del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette, rimarrà aperta gratuitamente sino al 3 luglio e contiene alcune pregevoli opere già presentate alla stampa, quali la lettera, originale e falsa, con cui Cristoforo Colombo annunciava la scoperta del Nuovo Mondo. Ma anche un dipinto del Canaletto, una rara scultura depredata dal sito archeologico di Palmira in Siria, due affreschi del 1200 e le opere dell’artista spagnolo Victorio Macho, trafugate recentissimamente sul Lungotevere a Roma; tutte di eccezionale valore storico-artistico.

Le origini del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale risalgono al 3 maggio 1969, allorché il Comando Generale dell’Arma determinò di costituire, presso il Ministero della Pubblica Istruzione e d’intesa con questo, il Nucleo Tutela Patrimonio Artistico con l’intento di fronteggiare, con efficacia di strumenti ed interventi mirati, l’allarmante fenomeno della depauperazione del più grande museo al mondo: l’Italia.

L’Italia divenne così la prima Nazione al mondo a dotarsi di un organismo di polizia specializzato nello specifico settore, anticipando peraltro di un anno la raccomandazione della Conferenza Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco), che, da Parigi, indicava agli Stati aderenti l’opportunità di adottare varie misure volte a impedire l’acquisizione di beni illecitamente esportati e favorire il recupero di quelli trafugati, tra cui la costituzione di servizi a ciò preposti.

Con Decreto del Ministro per i Beni Culturali e Ambientali del 5 marzo 1992, il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (Tpc, nuova e attuale denominazione) è stato inserito tra gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, al quale risponde funzionalmente. Per i meriti acquisiti dal Comando nel campo dei Beni Culturali sono state conferite alla Bandiera dell’Arma sei medaglie d’oro ai Benemeriti della Scuola della Cultura e dell’Arte.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS