BOMBA NEL CUORE DI ISTANBUL: 11 MORTI E 36 FERITI Attaccato un mezzo della polizia turca. I sospetti ruotano intorno al Pkk

693
  • English
istanbul

Il terrore torna a bussare alle porte di Istanbul. Almeno 11 persone sono morte e 36 sono rimaste ferite nell’esplosione di un’autobomba avvenuta nel distretto centrale di Vezneciler, vicino alla popolare piazza Bayezit, molto frequentata da turisti. Secondo le prime ricostruzioni l’obiettivo dell’attentato era un pullman della polizia che stava passando.

Le prima immagini mostrano automobili danneggiate e il mezzo delle forze dell’ordine sventrato dalla deflagrazione in una via alberata. La bomba sarebbe stata azionata a distanza. Dunque non si tratterebbe di un attacco kamikaze, solitamente riconducibile alle organizzazioni jihadista. Nonostante non sia arrivata alcuna rivendicazione le modalità dell’attacco fanno pensare alla matrice curda (leggasi Pkk). Il 17 febbraio scorso un attentato simile nel centro di Ankara aveva provocato la morte di 26 militari.

Dalla scorsa estate, dopo la ripetizione delle elezioni legislative che hanno dato al partito del presidente Recep Tayyip Erdogan la maggioranza in Parlamento, è ricominciata la guerriglia dei curdi contro il potere centrale turco. Sono morti centinaia di soldati e uomini delle forze di sicurezza, oltre 4 mila guerriglieri del Pkk, secondo il governo turco, e un numero imprecisato di civili.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS