GLI AZZURRI SCONFIGGONO LA FINLANDIA, CONTE: “VOGLIO UN’ITALIA ALLA VALENTINO ROSSI” Al Bentegodi gli azzurri vincono 2 a 0. A segno Candreva (su rigore) e De Rossi

480
italia

A poco meno di una settimana dall’esordio a Euro 2016 contro il Belgio, l’Italia di Antonio Conte si prepara al decollo. Un piccolo progresso rispetto al test contro la Scozia vale una vittoria per 2-0 sulla Finlandia, utile soprattutto a procurare un autostima e a verificare i miglioramenti nella condizione fisica. Resta il problema del gol, perché neanche il cambio totale nel reparto d’attacco ha sbloccato le punte azzurre: né Zaza, molto attivo, né Immobile hanno messo la palla in rete. Ci hanno pensato Candreva (su rigore) e De Rossi, subentrato a un Thiago Motta, quasi ingolfato. Restano sette giorni, sottolinea Conte, “per trovare brillantezza, velocità e aggressività”. E soprattutto il gol.

Conte sorride, ma a metà: “Stiamo migliorando – dice subito dopo la vittoria con la Finlandia – ma sappiamo che c’è tanto da lavorare. Dobbiamo stare piedi a terra. E soprattutto dobbiamo lavorare ancora sul ritmo e sull’intensità”. Le punte continuano a non segnare, e Conte si augura “che trovino una rete anche con un pizzico di fortuna, per aumentare l’autostima”. Quanto a Thiago Motta, fischiato dal pubblico del Bentegodi al momento di essere sostituito, Conte è chiaro: “Sapevamo che c’era chi arrivava in ritiro con un ritardo di preparazione, causa infortuni, ma lui ha giocato sessanta minuti a buon ritmo. Può migliorare”.

Pochi minuti prima del calcio d’inizio di Italia-Finlandia, il presidente della Figc Carlo Tavecchio ha premiato sul terreno di gioco Luca Toni con una maglia speciale celebrativa, mentre sul maxischermo dello stadio veniva proiettato un tributo al campione del mondo. A seguire la palla è passata al sindaco di Verona, Flavio Tosi, e all’assessore allo Sport del Comune, Alberto Bozza, che hanno omaggiato l’ormai ex bomber di una targa speciale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS