RIFORMA DELLA CURIA, IN VATICANO LA 15.MA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DEI CARDINALI Da queste riunioni derivano anche i recenti documenti pontifici circa gli abusi sessuali sui minori

913
cardinali

È iniziata questa mattina, alla presenza di Papa Francesco, la 15.ma riunione del Consiglio dei Nove Cardinali impegnati nella riforma della Curia Romana. Il consiglio del C9 durerà fino a mercoledì prossimo. Il Pontefice, dopo la messa mattutina a Casa Santa Marta, ha aperto la riunione. In gran parte, dalle proposte e dai lavori del diq eusto piccolo consiglio derivano anche gli ultimi due documenti approvati ed emanati sabato scorso dal Pontefice: il Motu Proprio “Come una madre amorevole”, con cui ha stabilito che il motivo di rimozione per i vescovi ci sarà anche la “negligenza” nei casi di abusi sessuali su minori da parte dei sacerdoti, e lo statuto del nuovo dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, nel quale confluiranno, dal 1/o settembre prossimo, gli attuali Pontifici Consigli per i Laici e per la Famiglia.

Si ricorda che i precedenti Incontri del Consiglio hanno avuto luogo nei giorni 1-3 ottobre 2013, 3-5 dicembre 2013, 17-19 febbraio 2014, 27-30 aprile 2014, 1-4 luglio 2014, 15-17 settembre 2014, 9-11 dicembre 2014, 9-11 febbraio 2015, 13-15 marzo 2015, 8-10 giugno 2015 e 14-16 settembre, 10-12 dicembre 2015, 8-9 febbraio 2016, 11-13 aprile 2016. Inoltre, il segretario della Congregazione vaticana per l’Evangelizzazione dei Popoli, il cinese monsignor Savio Hon Tai-Fai, è stato nominato oggi da Bergoglio amministratore apostolico “sede plena” dell’arcidiocesi di Agana, nell’isola di Guam, nell’Oceano Pacifico occidentale, la più grande e meridionale dell’arcipelago delle Marianne. L’arcivescovo Hon Tai-Fai, 65 anni, salesiano, nato a Hong Kong, manterrà comunque la carica all’ex Propaganda Fide, di cui è segretario dal 23 dicembre 2010.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS