Cancro alle ovaie, nuova scoperta

971
chemioterapia

Dagli Usa giungono buone notizie per tutte le donne che soffrono di cancro alle ovaie. Infatti, per chi accusa un cancro all’ovaio avanzato, già trattato con la chirurgia, effettuare la chemioterapia direttamente nell’addome (intraperitoneale) appare più efficace rispetto alla chemioterapia intravena. E’ il nuovo dato che emerge da uno studio che dimostra come il 23,3% delle donne che hanno ricevuto questo tipo di terapia abbia registrato una progressione della malattia a nove mesi, contro la più elevata percentuale del 42,2% delle pazienti che avevano ricevuto la sola chemio intravena.

I risultati di questa ricerca sono stati presentati al congresso della Società Americana di Oncologia clinica Asco, svoltosi a Chicago. La chemio in addome, infatti, consente di liberare dosi maggiori di farmaco direttamente nell’area del tumore, “risparmiando”, in tal modo, le altre parti dell’organismo dagli effetti collaterali. Lo studio è stato condotto su 275 donne affette dalla malattia. “A questo stadio, possiamo già vedere che le pazienti stanno meglio con la chemio intraperitoneale, senza che si registri una differenza significativa in termini di tossicità”, ha sottolineato il primo autore della ricerca Helen Mackay, ricercatrice del Odette Cancer Centre di Toronto.

Si tratta, sottolineano gli oncologi, di una tecnica efficace anche se non molto utilizzata: è infatti valida e ben tollerata, garantendo anche il mantenimento di una buona qualità di vita. Nel 2012, i casi di cancro all’ovaio nel mondo sono stati 239 mila, con una prognosi spesso negativa. A causa della mancanza di screening mirati e sintomi specifici, il cancro all’ovaio viene spesso diagnosticato quando è in fase già avanzata con ridotte prospettive terapeutiche.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS