SESSO, AFFARI DI FAMIGLIA

2719
  • English
  • Español
porn-ban

Quando la polizia filippina ha fatto irruzione, in una camera da letto hanno trovato tre ragazze di età compresa tra 7 e 11 anni, distese nude su un letto. All’altra estremità della stanza c’era la madre di due dei bambini – la terza era la nipote – e la figlia maggiore di 13 anni, che stava scrivendo su una tastiera. Un feed webcam sullo schermo del computer ha mostrato i volti di tre uomini bianchi connessi sulla chat. È solo uno dei tanti casi che riguardano un mondo ancora sommerso eppure estremamente diffuso: quello degli gli abusi sessuali su minori tramite internet, raccontato con un approfondito reportage dal The Guardian.

Un’agente sotto copertura si era infiltrata in un villaggio povero due settimane prima del raid. Fingendo di essere un Japayuki, un termine slang per indicare una prostituta filippina che vive in Giappone, aveva convinto un residente a presentarla ai bambini, che hanno giocato con lei tutti i giorni per le strade di ghiaia. Poi causalmente è uscita la notizia sul loro “show”.

E non era un caso isolato. Poco tempo dopo un’altra famiglia è stata catturata nella stessa zona. Poi più casi di live-streaming di abusi sui minori sono apparsi in diverse parti delle Filippine. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, ci sono decine di migliaia di bambini che si ritiene essere coinvolti in un settore in rapida espansione; gli abusi sui bambini valgono ad oggi approssimativamente 1 miliardo di dollari.

La Virtual Global Taskforce, un partenariato di forze dell’ordine internazionali e l’Interpol, ha dedicato il 2016 alla lotta contro il live-streaming di abusi sui minori. L’Unicef è pronta a lanciare una campagna per educare i giovani sui rischi del mondo online, il progetto #WeProtect. È difficile stimare le dimensioni di un settore che coinvolge piccoli pagamenti anonimi, dai 5 ai 200 dollari a spettacolo, per lo più gestiti a livello familiare e non da grandi organizzazioni criminali. Il che rende ancora più difficile il contrasto.I bambini sono sfruttati tutto il giorno, con la mattina live-stream per gli europei e gli americani, e nel corso della giornata, per quelli in Australia. Secondo il Det Supt, Paul Hopkins, capo della squadra di polizia federale australiana a Manila che ha passato gli ultimi due anni indagare il crimine. ha descritto la dimensione del commercio come “mostruoso”.

Il business è quasi sempre immune da condanne penali. Nelle Filippine, ci sono stati solo due sentenze per questo tipo di abuso, tutti gli altri casi sono ancora pendenti. A differenza dei precedenti forme di abusi sessuali su minori, non ci sono foto caricate su internet che la polizia in grado di monitorare. Invece, le conversazioni sono vivo e criptati attraverso Skype, e pagamento viene effettuato con bonifici bancari anonimi.

Alla base del contatto con il mondo della pedofilia c’è sempre il dio denaro, e di contro l’estrema povertà. Alcune famiglie infatti – è emerso dai rapporti della polizia locale – hanno iniziato a far collegare via web i propri figli dopo aver visto il cambio del tenore di vita di alcuni vicini di casa, che avevano già iniziato a fare affari sulla pelle dei bambini. “Loro faranno di tutto per i loro genitori – ha detto Lotta Sylwander, il rappresentante dell’Unicef nelle Filippine che sta conducendo la campagna per la sicurezza on-line -. Abbiamo bisogno di aumentare la consapevolezza e la vigilanza su questo problema, in modo che i genitori e gli altri capiscano che gli abusi sui minori, in qualsiasi forma, non sono solo moralmente sbagliati ma anche estremamente dannosi per la salute e lo sviluppo dei bambini. Purtroppo, in questo momento – ha concluso – la situazione sta peggiorando”. La cosa drammatica è che i bambini, cresciuti fin da piccoli in questo contesto, vedono l’abuso come normale. Uno schiaffo alla purezza, un oltraggio alla civiltà, una barbarie nascosta in una delle tante dimenticate periferie del mondo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY