AMMINISTRATIVE: SEGGI APERTI PER 13 MILIONI DI ITALIANI

1062
  • English
amministrative

Sono aperti i seggi che accoglieranno gli oltre 13 milioni di italiani chiamati al voto per le amministrative. Tra le città chiamate al voto ci sono 7 capoluoghi di provincia e di regione – Bologna, Cagliari, MIlano, Napoli, Roma, Torino e Trieste – e 18 capoluoghi di provincia: Benevento, Brindisi, Carbonia, Caserta, Cosenza, Crotone, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Olbia, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona, Varese e Villacidro.

Sarà possibile votare per l’lelzione diretta dei sindaci, dei consiglieri comunali e dei consigli circoscrizionali nelle Regioni a Statuto ordinario. L’eventuale turno di ballottaggio si svolgerà domenica 19 giugno, con i seggi aperti sempre dalle 7 fino alle 23. Le elezioni, spiega il Viminale in una nota, riguardano i comuni i cui organi elettivi scadono nel primo semestre dell’anno in corso e quelli che devono essere rinnovati per motivi diversi dalla scadenza, purché le condizioni che hanno reso necessario il rinnovo si siano verificate entro il 24 febbraio 2016. Saranno chiamati al voto 1342 comuni italiani.

L’affluenza ai seggi delle varie città è consultabile sul sito del Ministero dell’Interno. Sono previsti due aggiornamenti – uno alle 12 e uno 19 – per monitorare l’affluenza degli elttori alle urne, mentre alle 23 verrà comunicato il dato definitivo. Inoltre, dopo la chiusura deii seggi, in una particolare sezione sarà possibile seguire in diretta – e suddiviso per ogni regione e città – quanti sezioni per l’elezione dei sindaci o dei consiglieri comunali sono state scrutinate.

Le elezioni interesseranno, complessivamente, 13.316.379 elettori, di cui 6.382.798 di sesso maschile e 6.933.581 di sesso femminile, e 15.887 sezioni elettorali. In particolare, nelle regioni a statuto ordinario, saranno interessati 1.175 comuni, 12.085.890 elettori, di cui 5.788.827 di sesso maschile e 6.297.063 di sesso femminile, e 14.396 sezioni.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS