AUTOSTRADE A RISCHIO CAOS: CONFERMATO LO SCIOPERO AI CASELLI I sindacati hanno confermato ieri le 4 ore di sciopero per ogni turno

687
autostrada

Bollino nero in autostrada oggi e domani a causa del rischio code ai caselli autostradali. I sindacati hanno confermato ieri le 4 ore di sciopero per ogni turno per protestare contro il mancato rinnovo del contratto nazionale, scaduto da cinque mesi. “Sono passati 5 mesi dalla scadenza del contratto collettivo nazionale – si legge in una nota di Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti, Sla-Cisal e UglTrasporti – e tutti comprendono che ogni mese che passa di mancato rinnovo, diminuisce il potere d’acquisto delle retribuzioni. Le aziende hanno sostenuto sin dall’inizio una tesi bizzarra, mutuata dalla parte più retriva di Confindustria, Federmeccanica, in base alla quale, secondo calcoli non meglio identificati, i lavoratori di autostrade invece di vedersi aumentare le loro retribuzioni avrebbero dovuto dare dei soldi indietro alle aziende”. I sindacati respingono tale tesi che, affermano, “non tiene assolutamente in conto che le modalità con cui si è definito il precedente rinnovo contrattuale”.

Disagi e code si potrebbero verificare soprattutto dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 2 di notte. Autostrade per l’Italia ricorda che resteranno aperti regolarmente i varchi con cassa automatica e quelli Telepass: “Durante lo sciopero – chiarisce l’azienda – i varchi con pagamento solo manuale potranno essere chiusi per l’assenza degli esattori. Saranno comunque garantiti i servizi di assistenza al cliente, con la presenza di personale della Viabilità di Autostrade per l’Italia sulle tratte maggiormente trafficate e il funzionamento degli impianti per il pagamento del pedaggio che, si ricorda, è dovuto per legge”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS