MALTEMPO IN FRANCIA: LA PIENA DELLA SENNA TOCCA I 6 METRI, SI TEMONO ALTRE VITTIME Al Louvre si lavora per mettere in sicurezza le opere. Chiuso il Graind Palais e la metro di Cluny/La Sorbonne

573
Parigi

Allarme in Francia, dove la piena della Senna ha raggiunto i sei metri. Secondo gli esperti, un picco massimo di 6,30-6-50 metri è atteso nel tardo pomeriggio. Un livello comunque inferiore agli 8,62 del 1910, quando il fiume esondò nella grande piena del secolo. Centinaia di abitanti sono stati evacuati in diversi comuni dell’Ile-de-France.

Nel frattempo a Parigi gli esperti stanno lavorando per mettere in sicurezza le opere presenti nel Museo del Louvre, si teme infatti che in seguito ad un’esondazione del fiume, il celebre museo – da ieri chiuso al pubblico – possa essere inondato. L’operazione per rimuovere le opera d’arte di piani inferiori, più vulnerabili, prosegue e ha attirato l’interesse di tutto il mondo, con turisti e giornalisti che si presentano agli ingressi del Louvre – oggi chiuso per precauzione – che vengono mandati indietro. Altri musei e le istituzioni culturali sono stati chiusi in tutta la Francia, tra cui i rinomati castelli di Chambord e Azay-le-Rideau. Chiusi anche il Grand Palais e la centralissima stazione della metro di Cluny/La Sorbonne, nei pressi della storica università.

Col passare delle ore, il ministro dell’Ambiente, Ségolène Royal lancia l’allarme: “La Francia teme la possibilità di altre vittime dalla piena della Senna e dall’ondata di maltempo con violente inondazioni, – ha dichiarato il ministro dell’ambiente Segolene Royal – che ha colpito il Paese. Con il successivo abbassamento delle acque potrebbero emergere delle vittime”.

Anche se la pioggia si fermerà, resta l’allarme in Francia. Gli otto dipartimenti della regione dell’Ile-de-France e cinque dipartimenti della Valle della Loira centrali sono a livello di allerta inondazione: rosso per il dipartimento Seine-et-Marne e arancione per gli altri.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS