A ROMA I SACERDOTI DI TUTTO IL MONDO PER CELEBRARE IL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

1189
giubileo

In questi giorni, Roma è invasa da centinaia di sacerdoti. Provenienti da ogni parte del mondo, si sono dati appuntamento nella Città Eterna per stringersi attorno al Papa e celebrare il loro Giubileo particolare. Fra loro anche seminaristi. Bergoglio quest’oggi è impegnato in una specie di “maratona spirituale”, un evento mai visto in città: in una sola giornata, infatti, il Pontefice terrà tre diverse meditazioni, indirizzate proprio ai presbiteri e ai futuri preti, in tre delle Basiliche maggiori dell’Urbe: San Giovanni in Laterano e Santa Maria Maggiore in mattinata, San Paolo fuori le Mura nel pomeriggio.

Ai microfoni della Radio Vaticana, l’arcivescovo messicano Jorge Carlos Patrón Wong, Segretario della Congregazione per il Clero, ha spiegato: “Francesco ha deciso che sacerdoti e seminaristi si fermino un momento in mezzo alle tante attività pastorali per trovare un po’ di riposo e di ristoro nel cuore del Buon Pastore. Siamo consapevoli della nostra debolezza e povertà; per questo abbiamo bisogno della misericordia di Dio. L’evento, che si inserisce nel calendario dell’Anno Santo, ha per tema proprio le parole con cui il Papa ha delineato il volto del presbitero: “A immagine del Buon Pastore, il prete è uomo di misericordia e di compassione, vicino alla sua gente e servitore di tutti”.

Già nella giornata di ieri, sacerdoti e seminaristi si sono recati nelle tre chiese giubilari (San Salvatore in Lauro, Santa Maria in Vallicella, San Giovanni dei Fiorentini) per celebrare il sacramento della Riconciliazione e di dedicarsi all’Adorazione eucaristica. Hanno poi intrapreso il pellegrinaggio verso la Porta Santa della Basilica di San Pietro in Vaticano.

Nel pomeriggio hanno preso parte a una serie di catechesi sul tema della misericordia in alcune chiese del centro storico di Roma. Le riflessioni, divise secondo il gruppo linguistico di appartenenza, sono state tenute da: Vincent Dollmann, vescovo ausiliare di Strasburgo (francese), Robert Barron, vescovo ausiliare di Los Angeles (inglese), il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio per la cultura (italiano), Grzegorz Rys, vescovo ausiliare di Cracovia (polacco), Paulo César Costa, vescovo ausiliare di Rio de Janeiro (portoghese), il cardinale José Luis Lacunza Maestrojuán, vescovo di David (spagnolo), l’arcivescovo Georg Gänswein, prefetto della Casa Pontificia (tedesco).

Oggi è in programma il ritiro spirituale guidato da Papa Francesco. Le meditazioni nelle tre Basiliche (alle 10, alle 12 e alle 16) saranno trasmesse dal Centro Televisivo Vaticano e potranno essere seguite in tutto il mondo anche via Internet, o tramite le emittenti tv. Questa sera, poi, la conclusione del ritiro con la concelebrazione eucaristica, sempre per gruppi linguistici.

Il Giubileo si concluderà domani, Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, con la Santa Messa presieduta da Bergoglio alle ore 9:30 in piazza San Pietro. Tutti i sacerdoti che prendono parte all’evento potranno concelebrare. L’arcivescovo Jorge Carlos Patrón Wong, ricorda che l’intento dell’iniziativa è offrire ai preti “una grande opportunità per rinnovarci, per prendere di nuovo questo profumo del Buon Pastore, condividerlo con il nostro popolo, per ricevere nuovamente l’emissione dello Spirito Santo e rinnovare le nostre forze, il coraggio, l’entusiasmo e farci prossimi a tutti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS