BERGOGLIO IN SVEZIA PER COMMEMORARE I 500 ANNI DELLA RIFORMA PROTESTANTE Papa Francesco si recherà a Lund il 31 ottobre. Dopo la celebrazione nella cattedrale, un grande evento pubblico nello stadio di Malmo

795
papa francesco svezia riforma

Papa Francesco si recherà a Lund, in Svezia, per commemorare il 500° anniversario della Riforma Luterana. Un gesto epocale che si attua dopo mezzo millennio dallo scisma protestante. Bergoglio parteciperà a una cerimonia congiunta fra la Chiesa Cattolica e la Federazione luterana mondiale. In un comunicato congiunto a cura della Federazione Luterana Mondiale e del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, diffuso oggi, si spiega che la “commemorazione ecumenica” si svolgerà il 31 ottobre a Lund, e sarà presieduta dal pontefice assieme al vescovo Munib A. Younan e al reverendo Martin Junge, presidente e segretario generale della Federazione luterana mondiale. Il Pontefice dedicherà la mattina del giorno dopo, 1 novembre, solennità di “Tutti i Santi”, alla locale comunità cattolica.

La commemorazione si svolgerà in due momenti: inizierà con una liturgia nella Cattedrale di Lund, per proseguire con un evento pubblico nello stadio di Malmo, aperto a una più ampia partecipazione. “L’evento congiunto della Federazione Luterana Mondiale (Lwf) e della Chiesa Cattolica Romana – prosegue la nota – intende mettere in evidenza i 50 anni di continuo dialogo ecumenico fra cattolici e luterani e i doni derivanti da tale collaborazione. La commemorazione cattolico-luterana dei 500 anni della Riforma si impernia sui temi del rendimento di grazie, del pentimento e dell’impegno nella testimonianza comune. L’obiettivo è di esprimere i doni della Riforma e chiedere perdono per la divisione perpetuata dai cristiani delle due tradizioni”.

Nella cattedrale di Lund si svolgerà la cerimonia di preghiera comune, basata sulla guida liturgica cattolico-luterana, testo di recente pubblicazione, intitolata “Preghiera Comune”. Un libro, che a sua volta si fonda sul documento “Dal conflitto alla comunione”. Lo stadio di Malmo sarà, invece, lo scenario dove si svolgeranno le attività dedicate all’impegno della testimonianza e del servizio comune di cattolici e luterani nel mondo. Saranno presentati gli aspetti più importanti del lavoro comune del Lwf World Service e di Caritas Internationalis, come la cura dei profughi, il servizio della pace e la difesa della giustizia climatica.

“È quando le comunità imboccano la via che allontana dai conflitti, che scaturisce la forza. In Cristo siamo incoraggiati a servire insieme nel mondo. La commemorazione congiunta è una testimonianza dell’amore e della speranza che tutti noi abbiamo per merito della grazia di Dio”, hanno dichiarato il Presidente della Lwf Younan e il Segretario Generale Junge. Il Cardinale Kurt Koch, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani spiega: “Concentrandosi insieme sulla centralità del problema di Dio e su un approccio cristocentrico, Luterani e Cattolici potranno commemorare ecumenicamente la Riforma, non in un modo meramente pragmatico, ma nel senso profondo della fede in Cristo crocifisso e risorto”. “Siamo in attesa di questo evento che vedrà la partecipazione di 10.000 persone. L’idea alla base della manifestazione nell’arena di Malmö è di descrivere ulteriormente il processo che va dal conflitto alla comunione concentrandosi sulla speranza per il futuro e sul servizio comune nel mondo”, afferma l’Arcivescovo della Chiesa di Svezia Antje Jackélen. Il Vescovo Anders Arborelius, della Diocesi cattolica di Stoccolma, aggiunge: “Verrà scritta una pagina di storia quando Papa Francesco e i leader della Federazione Luterana Mondiale visiteranno Lund e Malmo per incoraggiare tutti noi a proseguire nel cammino verso l’unità dei cristiani”.

Il programma completo del viaggio del Santo Padre in Svezia verrà pubblicato nei prossimi mesi, e comprenderà anche una Celebrazione eucaristica con la comunità cattolica nella mattina del 1 novembre.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS