FIRENZE: APRE A PALAZZO PITTI IL MUSEO DELLA MODA E DEL COSTUME Siglata una convenzione tra la direzione delle Gallerie degli Uffizi e Pitti Immagine Discovery

625

Nascerà a Firenze il Museo della Moda e del Costume. È stata siglata nella sala da ballo della Galleria del Costume di Palazzo Pitti, edificio storico del capoluogo toscano, una convenzione tra la direzione delle Gallerie degli Uffizi e Pitti Immagine Discovery, la fondazione costituita da Pitti Immagine e Centro di Firenze per la moda italiana, con l’obbiettivo di avviare un programma triennale di appuntamenti dedicati alla moda contemporanea.

La missione della Fondazione Pitti Discovery – nata ufficialmente il 9 aprile del 1999 con la presentazione di “These Restless Minds”, video installazione dell’artista californiano Doug Aitken – è quella di riflettere sui rapporti tra moda, arte, architettura, comunicazione e al cortocircuito che provoca la loro interazione. Un sismografo e catalizzatore di progetti, idee e tendenze che danno nuova forma e identità al pensiero e alla creatività contemporanea. Fondazione Pitti Discovery promuove e valorizza la ricerca culturale e le produzioni artistiche, approfondendo le aree nelle quali la moda trova ispirazioni creative e forme di sperimentazione.

Nel corso degli anni la Fondazione ha prodotto in autonomia numerosi progetti espositivi ed editoriali in cui si confrontano moda, arti visive, cinema, fotografia, pubblicità, architettura, musica. Progetti innovativi e pionieristici dai quali la moda trae spunti di elaborazione e con i quali sempre più spesso si relaziona. Le iniziative presentate sono il riflesso del variegato scenario creativo internazionale: un’esperienza progettuale che racconta anche i recenti sviluppi della strategia culturale e di comunicazione di Pitti Immagine. Dal 2008 la Fondazione ha iniziato una collaborazione con l’Osservatorio per le Arti Contemporanee Ente Cassa di Risparmio di Firenze, per la realizzazione di progetti legati alla contemporaneità.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS